La Mostra Scambio “Automotociclo d’epoca” per la prima volta a Cesena Fiera

CESENA. Evento tra i più longevi nel panorama nazionale, forte di 49 edizioni, l’evento nato a Pesaro, ha scelto di lasciare la fiera di Rimini per approdare a Cesena nei padiglioni fieristici di Pievesestina sabato (9-18) e domenica (9-17.30), ingresso 9 euro (gratis fino ai 14 anni).

«Nell’ultima edizione abbiamo avuto 7mila visitatori, speriamo di continuare a crescere», commenta Giuseppe Savoretti del museo nazionale del Motociclo di Rimini. Le premesse ci sono tutte: «Per la prima volta abbiamo dovuto creare una lista d’attesa per gli espositori che vorrebbero partecipare ma a cui non siamo riusciti a trovare spazio». Al momento ne sono attesi 450, provenienti da tutta Italia. L’appuntamento è rivolto a professionisti, collezionisti, esperti e semplici curiosi, in Fiera sarà possibile trovare tutto ciò che concerne l’universo d’epoca di auto, moto, camion, trattori e biciclette: pezzi da collezione, ricambi, modellismo, riviste e poster.

Il successo in termini di adesione, spiega il direttore della Fiera Luigi Bianchi, è dovuto anche alle caratteristiche logistiche di Cesena Fiera: «La vicinanza all’autostrada e all’E45, il supporto che abbiamo trovato in Fiera sono tutti elementi che hanno aiutato». «Abbiamo avuto talmente tante richieste – aggiunge Savoretti – che abbiamo dovuto restringere lo spazio dedicato alla ristorazione».

Tra le caratteristiche della manifestazione c’è quello di valorizzare associazioni e club locali. È quello che succede ad esempio con le mostre organizzate dai club del territorio: Buscherini città di Cesena, Tordi di Cesena, Collectors History Carclub di Cesena (Chc), Scuderia Hf Club di Santarcangelo, Vespa Club Cesena, Circolo italiano Camion Storici Gino Tassi di Imola, Chi Burdel di Tratur di Cesena, Go kart d’epoca di Maurizio Zani di Cesena.

Una novità quella della mostra scambio che il presidente di Cesena Fiera Renzo Piraccini ha accolto con favore: «anche perché rappresenta l’ulteriore conferma della lungimiranza delle scelte fatte in passato. Trasferendo Macfrut, un appuntamento che dura tre giorni, siamo riusciti a dare nuovo impulso alla Fiera che ora è una struttura ambita soprattutto per le piccole fiere e per i convegni. Su quest’ultimo fronte potremmo crescere ancora, ma l’insufficienza di hotel a Cesena rappresenta un limite». La Fiera di Cesena continua ad investire su se stessa: «Entro l’estate dovrebbero partire i lavori già annunciati per la nuova rotonda e per la chiusura del fosso, ma abbiamo in cantiere anche altri interventi», ma su questi il presidente non concede alcuna anticipazione.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui