Morto Bruno Arena dei Fichi d’India: a Riccione era di casa

È morto Bruno Arena. Il comico e attore, da diversi anni lontano dalle scene in seguito a una grave malattia, si è spento all’età di 65 anni. A darne notizia sui social è stato Paolo Belli, amico di lungo corso di Arena, che ha condiviso su Facebook una loro foto. Una notizia, quella della scomparsa di Arena, che in questi minuti è accompagnata da un sentimento di cordoglio generale da parte di tanti utenti sui social network e amici di Arena nel mondo dello spettacolo. La vicenda dell’attore, che subì un aneurisma nel 2013 che compromise le sue capacità motorie, ha generato nei suoi confronti un grande affetto del pubblico e delle persone a lui vicine.

A Riccione era di casa

Arena era di casa a Riccione, come testimonia l’affettuoso ricordo di Massimo Pironi, ex sindaco della Perla Verde: “Caro Bruno, ci hai fatto ridere e non solo dal palco. Eri così anche nella vita. Hai lottato come un leone e la tua famiglia con te. Sempre. Ho la foto della presentazione del libro, di cui ricordo nitidamente ogni momento della presentazione a Riccione, fra le cose care. Con affetto e tanta tristezza ti saluto ma so per certo che li farai impazzire lassù. E con quella espressione da dispettoso che gode delle sue marachelle regalerai sorrisi e felicità !!! A Dio !!!”.

Così la vice sindaca Sandra Villa: “Grazie per tutta l’allegria donata anche alla nostra cittá. Sentite condoglianze alla famiglia”.

In una nota, la sindaca Daniela Angelini sottolinea: “Se ne va un grande amico di Riccione. Alla famiglia, a Rosy e ai figli Gianluca e Lorenzo le nostre più sentite condoglianze”.

Tutta la giunta riccionese si unisce al cordoglio per la perdita di Arena, ricordando che “era davvero molto amato a Riccione, ma anche lui amava tanto la nostra città.  Aveva scelto Riccione come sua seconda casa, dove frequentava assiduamente l’Aquafan, e Indiana Golf.  Riccione per Bruno era una seconda famiglia, qui trascorreva le sue giornate insieme ai suoi amici riccionesi più cari e quelli che lo venivano a trovare come Paolo Belli, Marco Lodola, Enzo Iacchetti e tanti altri. A loro trasmetteva il suo amore per la nostra città. Era un nostro ambasciatore. Grazie Bruno, per aver regalato a Riccione la tua allegria”.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui