Morte in culla a Cesena: vittima un bimbo di 10 mesi

Il giorno prima aveva giocato con i nonni divertendosi tantissimo, come sempre: la notte è stata tranquilla ed all’alba aveva fatto colazione. Quando il papà è andato a svegliarlo per lui probabilmente non c’era già più nulla da fare, anche se la morte è stata certificata soltanto più tardi in pronto soccorso, dopo infiniti tentativi di rianimazione.

Un dolore sconfinato ed una tragedia inimmaginabile quella che sta vivendo in queste ore una giovane famiglia che vive nella zona di Case Missiroli.

Il piccolo L.S., appena 10 mesi di vita, è morto.

Una “morte bianca”, di quelle che avvengono in culla per motivi che spesso restano misteriosi. Ma che anche quando si dovessero apprendere non possono lenire il sentimento doloroso che padre, madre, parenti ed amici hanno iniziato a sentire in maniera lancinante nel cuore della mattinata di ieri.

Il piccolo abitava al civico 4300 della via Emilia Levante, ai confini di territorio tra Cesena e Gambettola. Non ha mai sofferto di alcuna problematica in passato tale da lasciar trasparire quello che sarebbe stato l’epilogo tragico della sua vita: stroncata ancor prima che potesse iniziare a camminare e parlare. Ieri la mattinata era iniziata come tante altre. La mamma attorno alle 6.30 lo aveva allattato. Poi lo aveva rimesso a letto come sempre. Il papà verso le 9.30 come tante altre volte era entrato in camera per iniziare a svegliarlo. Ma il piccino non reagiva più ad alcuno stimolo.

Sul posto sono arrivati alla massima velocità gli uomini del 118. Medico ed infermieri che hanno iniziato subito le manovre rianimatorie per cercare di fargli riprendere respiri e battito cardiaco. Poi la corsa in ospedale dove il piccolo è stato anche intubato per provare a rimettere in moto la respirazione e proseguire nelle stimolazioni cardiache con la massima efficacia possibile. Non c’è stato nulla da fare. Poco prima delle 11 è stata dichiarata la sua morte.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui