Morte in culla a Cesena: eseguita l’autopsia

Per ora non sono emerse evidenze macroscopiche: per spiegare la dolorosa morte del piccolo Liam Silim serviranno gli esami microscopici ed i 90 giorni di tempo che la Procura ha concesso alla patologa incaricata: la dottoressa Donatella Fedeli.
Ieri nel primo pomeriggio è stato eseguita l’autopsia sul corpicino del piccolo Liam: morto in culla a 10 mesi e trovato dal padre quando ormai per lui non c’era più nulla da fare.
Le prime indiscrezioni spiegano che come spesso avviene per la Sids (morte improvvisa del lattante, dall’inglese Sudden Infant Death Syndrome) non sono emerse dall’esame macroscopico evidenze di patologie che possano aver causato il decesso del piccolo. La meccanica dell’accaduto dunque verrà ricostruita con gli esami microscopici e le relative risultanze. Dopo che la famiglia ha esplicitato la richiesta di cercare di capire come il piccino sia morto in un esposto presentato ai carabinieri di Cesena, il caso è stato preso in carico dalla magistratura inquirente che adesso potrà rilasciare il nullaosta alle esequie.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui