Morciano, una stagione di leggerezza e divertimento

«Leggerezza e divertimento». Sono queste le parole chiave della stagione teatrale 2022 pensata da Ater Fondazione per la cornice completamente rinnovata dell’auditorium della Fiera di Morciano di Romagna.

Un auditorium tutto nuovo

In questi giorni sono partiti infatti i lavori di riqualificazione dell’auditorium «per offrire al pubblico un’esperienza immersiva e coinvolgente, sempre più vicina a quella di un vero e proprio teatro», come spiega il sindaco Giorgio Ciotti. «Rendere di nuovo familiare l’abitudine al teatro e avvicinare nuovo pubblico è la sfida che ci attende nei prossimi mesi: un’esperienza da condividere collettivamente», sottolinea Roberto De Lellis, direttore di Ater Fondazione.

Cosa vedremo

Sei gli appuntamenti in cartellone dal 29 gennaio al 30 aprile. Si parte con uno spettacolo di prosa e musica, protagonista l’esilarante testo firmato Woody Allen “Dio è morto e neanche io mi sento tanto bene” (sabato 29 gennaio) portato in scena da Tullio Solenghi e accompagnato dalle musiche eseguite dal vivo dal Nidi Ensemble.

Mercoledì 16 febbraio Lella Costa sarà protagonista di “Se non posso ballare… non è la mia rivoluzione”, testo teatrale ispirato a “Il catalogo delle donne valorose” di Serena Dandini con la regia di Serena Sinigaglia, mentre domenica 6 marzo prosa e musica tornano con Ivano Marescotti sul palco insieme all’Orchestra Mirko Casadei in “Il ballo. Sté bàl é ciàpa al dòn”, una celebrazione del ballo che, nel primo decennio del dopoguerra, ha segnato il cambiamento di un’epoca.

I romagnoli Extraliscio domenica 13 marzo inonderanno l’auditorium con le note del loro concerto “Punk da balera”.

Con il famoso testo teatrale di Dario Fo e Franca Rame “Coppia aperta quasi spalancata”, di nuovo la prosa andrà in scena domenica 20 marzo, interpreti Chiara Francini e Alessandro Federico per la consolidata regia di Alessandro Tedeschi.

Il cartellone chiude sabato 30 aprile con lo spettacolo “[S]legati” di e con Jacopo Bicocchi e Mattia Fabris che racconteranno la storia di un sogno ambizioso, tratto da una storia vera: quello di essere i primi al mondo a scalare il Siula Grande, una montagna delle Ande Peruviane. Ma è anche la storia di un’amicizia, e della corda che, durante quella terribile impresa, ha legato questi due giovani ragazzi, mettendo la vita dell’uno nelle mani dell’altro, come sempre avviene in montagna.

Sciroppo di teatro

Morciano, insieme ad altri 20 comuni emiliano-romagnoli, ha aderito a “Sciroppo di teatro”, progetto di welfare culturale volto a riavvicinare i bambini e i loro genitori all’offerta teatrale grazie a un voucher fornito da medici e farmacisti. L’auditorium ospiterà tre spettacoli domenicali (ore 16.30): il 30 gennaio “L’elefantino” della Baracca Testoni, il 20 febbraio “I racconti di Mamma Oca” di Drammatico Vegetale e il 3 aprile “L’albero delle storie” di Nove Teatro.

La vendita dei carnet partirà dal 13 dicembre alla biblioteca comunale Mariotti. Inizio spettacoli ore 21.15.

Info: 333 2401810

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui