Morciano, torna la Fiera di San Gregorio

Iniziato il conto alla rovescia per l’edizione 2022 dell’Antica fiera di San Gregorio, quella della ripartenza, dopo due anni di stop dovuto alla pandemia. La manifestazione si aprirà ufficialmente sabato alle 10 in piazza del Popolo, quando il sindaco di Morciano di Romagna, Giorgio Ciotti, accompagnato dalle autorità civili, militari, religiose, dalla giunta e dai consiglieri comunali, darà il benvenuto al presidente della regione Emilia Romagna, Stefano Bonaccini, che arriverà nella “capitale della Valconca”, per il taglio del nastro.

Da piazza del Popolo, dove risuoneranno le note della banda cittadina, i rappresentanti delle istituzioni raggiungeranno l’auditorium della Fiera a bordo di alcune auto storiche. Qui si terrà l’inaugurazione ufficiale della Fiera, con l’apertura degli stand del padiglione.

Sarà anche l’occasione per presentare ufficialmente gli spazi del nuovo auditorium, che si presenta al pubblico morcianese in una veste completamente rinnovata dopo i lavori di riqualificazione ed efficientamento energetico. Sul palco si alterneranno la premiazione delle eccellenze morcianesi in campo scolastico (gli studenti Hafsa Nouij,Nicolas Tazzieri, Giovanni Tonini, Ylza Imeri) e sanitario (i medici Geo Agostini e Patrizio Migani), con l’esibizione musicale della soprano Melissa D’Ottavi accompagnata al violino dall’artista Fakizat Mubarak e al pianoforte dal maestro Alessandro Uva.

Per le strade della città si potranno trovare stand di ogni tipo e opereranno i vari punti di ristoro.

Al padiglione fieristico prenderà il via, affiancando la tradizionale mostra campionaria, la prima mostra mercato dei prodotti Doc e Igp delle Terre del monastero di San Gregorio in Conca: Ristorazione di qualità, produttori locali e i sapori della Romagna andranno a braccetto con i vini provenienti dalle cantine di eccellenza del territorio. Sarà quindi possibile gustare prodotti tipici e socializzare per tutta la durata della manifestazione.

Vespa club

Il padiglione fieristico, fino al 6 marzo, ospiterà anche una mostra di Vespe del Vespa club di Morciano di Romagna, alla quale seguirà, dal 7 un’esposizione di Fiat 500 d’epoca. Inoltre sarà possibile visitare la mostra fotografica “Disegni di luce” (flora e fauna stanziale e migratoria della Valconca) curata da Giordano Camillini.

La commedia

La giornata del 5 marzo si chiuderà all’auditorium della fiera, alle 21.15, con la commedia “Una Pasqua basa da scurdè”, proposta dalla compagnia dialettale “I senza prescia”. In questo spazio, ogni sera della manifestazioni saranno ospitati spettacoli e concerti.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui