Morciano. Il toro Indovinello re della Fiera di San Gregorio: pesa 1.300 chili

L’Antica Fiera di San Gregorio incorona i suoi re e le sue regine. Nella cornice del parco urbano del Conca, alla presenza di un pubblico numeroso, si è svolta ieri la premiazione della prima edizione della Mostra interprovinciale dei bovini di razza romagnola, appuntamento clou del Foro Boario di Morciano, uno dei più attesi dai visitatori e dagli allevatori di tutta la Romagna.

Il toro campione

Oltre trenta i capi in mostra. Il titolo di campione assoluto è stato assegnato al toro Indovinello dell’allevamento di Giuseppe Drudi di Misano Adriatico, che ha trionfato nella sezione “tori oltre 36 mesi”. Un magnifico e possente esemplare di tre anni e tre mesi e dal peso che sfiora i 1.300 chili. Ad assegnare i riconoscimenti il sindaco morcianese, Giorgio Ciotti. Con lui il sindaco di Montescudo – Monte Colombo, Gian Marco Casadei, il presidente di Araer (gli Allevatori dell’Emilia-Romagna) Maurizio Garlappi, la dirigente del Servizio territoriale agricoltura, caccia e pesca Francesca Palazzi. Drudi ha portato a casa anche il premio riservato alla campionessa della mostra, assegnato a Nikita, vincitrice nella categoria “manzette da 9 a 12 mesi”. Da segnalare inoltre i piazzamenti della campionessa senior Gemma Del Prato dell’azienda agricola Prato di Pietro Tassinari (“vacche da 5 a 8 anni”), di Minaco di Amos Torriani (“torelli da 15 a 18 mesi”) e di Napoleone della società agricola Dini (“torelli da 12 a 15 mesi”).

I cavalli più belli

Nella giornata di sabato erano stati invece premiati i cavalli protagonisti della 28ª edizione della Mostra mercato del cavallo. Primo gradino del podio per Doriana, una cavalla di 13 anni appartenente alla razza sella italiano di proprietà di Eleonora Foschi (Asd Valconca di San Clemente), che si è aggiudicata il premio “best show” e il trofeo “Mario e Galliano Colombari”. Gli appuntamenti del Foro Boario sono stati chiusi ieri dagli spettacoli equestri del gruppo Aragonas, dall’esposizione degli ovini e dai pony games che hanno fatto felici i bambini.

Cala così il sipario sull’edizione 2022 della Fiera, che dopo due anni di stop dovuti alla pandemia, rappresenta «una nuova primavera per tutto il territorio della Valconca, nel segno di una ritrovata socialità e voglia di stare insieme» spiega l’amministrazione morcianese che nei prossimi giorni si incontrerà con gli operatori e le categorie per tirare le somme dell’edizione appena trascorsa e pianificare insieme le strategie del prossimo anno.

Malore

Sempre sabato i volontari della Croce Rossa di Cattolica e Morciano, hanno effettuato un intervento provvidenziale nell’assistere uno dei visitatori della Fiera che ha accusato un malore: dopo averne controllato i parametri, lo hanno accompagnato in ospedale per i necessari accertamenti, ricevendo poi un messaggio di sincero ringraziamento da parte della moglie della persona soccorsa.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui