La moglie del medico morto di covid: “Non era un eroe, era buono”

RIMINI «Era un bravo medico, un bravo marito e un padre affettuoso». Maria Piccolo, la vedova di Maurizio Bertaccini, ricorda con poche, semplici e commosse parole il marito scomparso nella mattinata di ieri a causa dell’infezione da Covid – 19. Nel dolore vivo del lutto, la donna, madre biologica di sei degli otto figli che ha cresciuto insieme al marito con cui è stata sposata per 40 anni, spiega che non avrebbe mai immaginato che sarebbe «andata così». «Maurizio non aveva paura, faceva il suo dovere da medico, e confidava che protezioni e distanza fossero sufficienti».
Signora Maria, le condizioni di suo marito erano apparse da subito critiche?
«No, infatti per i primi quattro giorni dopo l’insorgenza dei sintomi era rimasto a casa, poi ha iniziato a peggiorare e allora è stato disposto il ricovero in ospedale. Inizialmente non era in terapia intensiva, e sembrava anche che stesse rispondendo bene alle cure, ma poi la situazione è peggiorata repentinamente, fino ad arrivare alla necessità di essere intubato, venendo quindi trasferito in Rianimazione. Tutte le sere ci contattavano i medici per riferirci le sue condizioni, e lunedì sera, la sera prima che morisse, ci avevano detto che era stabile, nella sua gravità. Invece stamattina (ieri mattina, ndr) è arrivata la notizia tragica. Non ce lo aspettavamo, in neanche un mese se n’è andato».
L’ultima volta l’avete visto tre settimane fa?
«Dopo che l’ambulanza è venuta a prenderlo per portarlo in ospedale lo abbiamo visto, anche se da lontano, quando era negli Infettivi. Dopo che è stato ricoverato in Rianimazione, invece, mai più. E ora la “vedremo” solo per il funerale, nei prossimi giorni, ma dietro il legno di una bara chiusa».
Quando è scoppiata l’epidemia suo marito aveva paura?
«No, lui non aveva paura, era un uomo molto religioso e molto devoto al suo lavoro e ai suoi pazienti, per cui faceva il suo dovere. Era molto amato dai suoi assistiti, e lui non si sarebbe mai sottratto alle loro necessità. Era tranquillo, e confidava che i dispositivi di protezione e le distanze fossero sufficienti per non contrarre la malattia. Invece non è andata così».
Qualcuno di voi, della famiglia, si è ammalato?
«No, noi stiamo tutti bene per fortuna, anche se viviamo in dieci in casa, e nonostante siamo sempre in contatto con la comunità di Montetauro, di cui facciamo parte, e che era così amata da mio marito. Non vivevamo lì, ma ne siamo parte: una delle nostre figlie è infatti una suora della comunità».
Le piace pensare a suo marito come un eroe?
«Maurizio era conosciuto per la sua bontà, non era certo un eroe. Il suo lavoro lo amava e i suoi pazienti lo amavano davvero. Oggi ho ricevuto tantissime telefonate, è stato un susseguirsi continuo. Ma no, non lo definirei un eroe. Era un uomo molto amato, questo sì».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui