Moda, Alberta Ferretti: “Il futuro dipenderà da noi”

«La moda parla il linguaggio dei tempi e nel futuro guarderemo questo periodo anche attraverso le sue immagini». Questa è una prima dichiarazione della nota stilista Alberta Ferretti che ha aderito all’iniziativa #Time2Share di Marie Claire Italia. Attraverso un video postato anche sul suo profilo ufficiale la designer dà una forte testimonianza della moda come una grande comunità solidale e «come può aiutarci a navigare in questi tempi senza precedenti».

A poche ore dalla sua pubblicazione il video della signora Ferretti contava oltre 10mila visualizzazioni . «Sono grata al mondo italiano della moda perché è ricco di esperienze, di emozioni – commenta Alberta Ferretti con sicurezza -. Abbiamo una cultura a livello di tessuti, di finiture e di confezioni straordinaria. Sognare è qualcosa di speciale ma altrettanto è dare il lavoro a tanta gente. La moda accompagna nella quotidianità la vita delle persone ed è un’espressione politica e sociale. Per questo motivo noi oggi siamo presenti e io continuo a sognare ad occhi chiusi e ad occhi aperti ma con l’attenzione di fare andare avanti questo lavoro, di fare andare avanti il made in Italy». L’azienda Aeffe non si è mai fermata e ha continuato tutte le linee di produzione e gli eventi ad esse collegate: «Abbiamo presentato la scorsa stagione per la prossima primavera estate le collezioni; sono riuscita anche a organizzare una sfilata e ho cercato di dar vita alla settimana della moda di Milano. Adesso stiamo lavorando sulle pre collection inverno 21-22. Il nostro mondo deve andare avanti: dall’artigiano, da chi fa il bottone, la cerniera a chi pensa al tessuto speciale». La stilista guarda con determinazione al futuro: «Noi italiani siamo creativi e fantasiosi, possiamo emergere nuovamente: sto lavorando sulla sfilata autunno inverno 21-22 che presenterò, come mi auguro, a fine febbraio a Milano». Alberta Ferretti chiosa con una sferzata positiva verso il futuro partendo dalle sue radici: «Sono una designer che è partita da zero. A 18 anni aprii la mia prima boutique e a 28 inaugurai la mia prima sfilata e sono ancora qui con i miei dipendenti: tutti attivi, con la voglia di lavorare, con l’energia perché sono convinta che ci sarà un futuro, un futuro che dipenderà da noi».

Katia Bartolini

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui