Missione finita per la Mare Jonio guidata dal medico di Gambettola

La missione numero 12 di Mediterranea Saving Humans si è conclusa. Ieri mattina tutte e 92 le persone soccorse nel Mediterraneo centrale sono state fatte sbarcare dalla Mare Jonio. «Per loro sono finiti gli orrori della Libia e le sofferenze della traversata in mare – li salutano da Mediterranea -. Inizia una nuova vita in Europa. Benvenuti e buon tutto per il futuro». Erano in porto a Pozzallo dalla notte di mercoledì scorso, quando dopo aver vinto il braccio di ferro con il Viminale hanno ottenuto, insieme a Sea Watch l’indicazione del porto sicuro verso cui fare rotta. La scelta dell’equipaggio di Mediterranea, di cui ha fatto parte anche la gambettolese Vanessa Guidi come capomissione e medica di bordo, è stata quella di dare priorità, nelle procedure di sbarco a Sea Watch che da quattro giorni attendeva di poter mettere in salvo le 342 persone a cui aveva prestato soccorso. Procedure lunghissime che hanno richiesto giorni per essere portate a termine. Quella che si è appena conclusa è stata la seconda a cui ha preso parte Guidi. Non è stata una missione semplice, in più occasioni la flotta civile di cui fa parte anche Mediterranea, si è dovuta interporre tra la cosiddetta “guardia costiera” libica e le imbarcazioni in “distress” che chiedevano soccorso per che venissero catturati e deportati nei lager libici. Sono state 92 complessivamente le persone soccorse dalla Mare Jonio, di questi una trentina erano minori non accompagnati.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui