Millennials e Generazione Z: ecco chi sono

Quando si parla della società odierna sembra persistere ancora un certo “dualismo” intrinseco tra le generazioni. A livello generale queste vengono distinte in adulti da una parte ed in giovani dall’altra, una definizione piuttosto limitata e che non tiene conto di tutte le sfumature che ci possono essere al pari di abissali differenze.

Il mondo dei giovani è in costante evoluzione, si vedano i paninari degli anni Ottanta per fare un esempio oppure i truzzi degli anni a cavallo tra i Novanta ed i Duemila, mentre quello degli adulti viene “ridotto” ai Boomers. Termine utilizzato per indicare i nati tra il 1946 ed il 1964, la generazione dopo quella “d’oro”, che hanno dunque visto il boom economico dell’Italia dopo la Seconda Guerra Mondiale. Ma torniamo ai giovani!

Ad un livello superficiale si potrebbe affermare che sono tutti pazzi per i video su Tik Tok, per i social network, per la cultura pop in ogni sua forma, per le serie TV rispetto ai film, per i videogiochi e così via ed in parte si ha ragione. Ma badate bene, solo in parte.

Anche nel mondo giovanile si può assistere ad un certo “divario” generazionale, soprattutto nel caso dei Millennials e della Generazione Z. Ma chi sono e come si distinguono gli uni dagli altri? Andiamo a scoprirlo assieme nelle righe che seguiranno!

Prima di tutto partiamo con il dire che, con il termine Millennials, si indicano i nati tra il 1980 ed il 1994 che hanno visto, con l’arrivo degli anni Duemila, l’arrivo dell’adolescenza oppure della maggiore età. Detti anche Generazione Y oppure Net Generation, questi ultimi hanno visto il vero sviluppo di Internet tanto che hanno potuto vedere come si sia espanso nelle loro stesse case.

Oltre a questo, un altro elemento da ricordare è che si tratta della generazione a cavallo tra un mondo analogico ed uno digitale dai quali hanno attinto a piene mani grazie anche alla televisione, alla cultura pop, ad un’informatica sempre più presente e apprezzano molto i benefici del lavoro da remote.

Per quanto riguarda la Generazione Z, altresì detti Centennials oppure Zoomers, essi sono i nati tra il 1995 ed il 2010 che hanno da poco compiuto la maggiore età o quasi. Si tratta di una generazione ancora più digitale e digitalizzata rispetto alla precedente per cui hanno un approccio alla vita ed alla tecnologia in generale decisamente più online.

Intraprendenti e scopritori di tutte le possibilità che è in grado di offrire il mondo, la Generazione Z si distingue per uno slang di stampo decisamente più “internettiano” e, soprattutto, per l’utilizzo in media di 5 dispositivi elettronici contro i 3 scarsi dei “rivali” Millennials. Questo ha permesso loro di avere accesso a maggiori informazioni e cause, in primis quella ambientalista.

Arrivati a questo punto siamo sicuri che il quadro sarà molto più chiaro e dettagliato, nonostante la brevità, per cui sarà più difficile accomunare entrambe le generazioni sotto lo stendardo di semplici “giovani”.

Anzi, molto probabilmente è arrivato il momento, semmai, di riunire entrambe le “fazioni” sotto un’altra bandiera. Ovvero quella dei nuovi scopritori e fruitori, e ovviamente formatori, di questo mondo.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui