Milano Marittima, vandali danneggiano scultura in pieno centro

Danneggiata dai vandali “La modella di Brückner”, collocata nel centro di Milano Marittima per il centenario della località. Sfasciato l’elegante basamento sul quale ora poggia in modo instabile l’opera, il vandalismo non ha più limiti. Era il luglio del 2012 quando la scultura di Adriano Bimbi veniva inaugurata dal sindaco Roberto Zoffoli, simbolo di una “bellezza” che aveva folgorato i pionieri milanesi, spingendoli nel 1912 a creare la “Città giardino”. Con il passare del tempo sono però cambiate molte cose, e nel centro di Mi.Ma adesso domina la movida selvaggia. Un problema che l’Amministrazione comunale sta cercando di affrontare insieme alle forze dell’ordine, ma che comprende anche le baby gang.
E’ dei giorni scorsi la notizia del pestaggio ai danni di alcuni giovani, con obiettivo lo scippo della collanina del nonno che uno di questi portava al collo. La targa collocata dal Rotary davanti a villa Gardini, inoltre, è stata abbattuta. Nubi nere si addensano sul cielo della località, facendo pensare agli episodi di violenza dell’estate scorsa, che culminarono con la maxi rissa di viale Gramsci. Lo sfregio alla figura femminile di Anton Brückner – musicista di scuola wagneriana -, che aveva immaginato in un suo adagio con il trasmutarsi di quel suono nella figura di una giovane fanciulla, colpisce al cuore Mi.Ma.
La bellezza della pineta è all’origine del suo successo, ma se Palanti immaginava un luogo dove «la poesia si sposa alla pratica», ora spuntano quelli che lui stesso avrebbe definito «i nuovi barbari». Lo spirito di emulazione potrebbe giocare brutti scherzi, mentre su Facebook si scatena l’opinione pubblica, condannando l’episodio e chiedendo che «non rimanga impunito».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui