Milano Marittima, riaperto il parco naturale dopo la tromba d’aria

CERVIA. Dopo la terribile tromba marina del 10 luglio, ieri ha riaperto il Parco naturale. Ci è voluto un mese per sgomberare questo scrigno di biodiversità dai 500 pini caduti – rasi al suolo come fuscelli da venti che spiravano a oltre 100 chilometri all’ora –, ma adesso tutto è passato.

Rimane però la ferita che ha aperto uno squarcio proprio nel cuore del Parco, dove la mancanza degli ombrelli verdi lascia un vuoto terribile. «Il paesaggio non è più lo stesso – commenta Fabiana Succi di Atlantide –: la nostra amata pineta ha subito un duro colpo ma, a distanza di un mese da quel disastro, siamo pronti a ripartire. Per fortuna, il tornado non aveva compromesso la vita degli animali, che stanno tutti bene. Come pure è in funzione il bar e anche il “Parco avventura” non ha subito danni. Purtroppo, il panorama di questo incantevole angolo verde è completamente mutato».

La pineta torna a vivere
Nel frattempo anche nell’attigua pineta proseguono i lavori, per togliere – prima che sia troppo tardi – i tronchi dei pini centenari spazzati via dalla bufera. Molti sentieri sono stati riaperti, i frequentatori del polmone verde – a piedi o in bicicletta – sono ritornati in massa appena saputo dell’agibilità.
Il sindaco Massimo Medri, intanto, lancia l’idea di riconvertire questo patrimonio storico e naturalistico a “Central park”. «Dobbiamo valorizzare la pineta di Milano Marittima – afferma il primo cittadino – trasformandola in un luogo di spettacolo, di incontri culturali e di frequentazione quotidiana. Come modello di riferimento penso al Central park di New York, naturalmente in chiave cervese».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui