Mezzano, litiga con l’amico e gli spara con un fucile subacqueo

Una lite per futili motivi, un colpo sparato con un fucile subacqueo e un uomo ferito, soccorso dal 118 e trasportato in ospedale in elicottero. Infine un’altra persona portata via dai carabinieri del Radiomobile e denunciata a piede libero per lesioni personali gravi. È quanto successo nel pomeriggio intorno alle 15.20 a Mezzano, all’altezza del civico 165 di via Reale. Ferito un ragazzo ucraino di 31 anni che si era incontrato con un connazionale di dieci anni più grande, il quale si trovava agli arresti domiciliari (per scontare un cumulo pena per diversi reati passati in giudicato) in un immobile dato in affitto. Quest’ultimo abitava in quell’appartamento da oltre un anno e alcuni giorni fa aveva chiesto al proprietario il permesso di ospitare un conoscente, non chiaro se fosse proprio il ragazzo con il quale oggi nel primo pomeriggio ha iniziato a discutere. Sta di fatto che le urla sono state sentite dai residenti della zona. L’alterco sarebbe scoppiato all’interno dell’abitazione, in una stanza adibita a cucina comune delle varie camere date in affitto. Al culmine della discussione il 41enne avrebbe impugnato un fucile da sub premendo il grilletto e andando a colpire al polso il conoscente. Le grida di dolore si sono fatte più forti quando il ragazzo ferito è andato in strada. Considerata la copiosa fuoriuscita di sangue, è stato allertato il personale medico del 118 che, considerata la dinamica descritta durante la richiesta di aiuto, è giunto sul posto con l’elicottero. Il 31enne è stato poi trasportato al Bufalini di Cesena e dimesso in giornata.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui