Tutto sotto controllo con due telecomandi: è la casa di un atleta paralimpico a Mercato Saraceno

Avere a disposizione un’abitazione che risponda alle proprie esigenze. È questa una delle condizioni assolute che consentono la piena autonomia domestica delle persone con disabilità e concretizzata dai Servizi Sociali dell’Unione dei Comuni Valle del Savio che, grazie a un finanziamento PNRR di 715 mila euro, hanno realizzato il sogno di un ventottenne atleta paralimpico trasformando un appartamento ERS a Mercato Saraceno in una casa domotica

La domotica per disabili rende possibile, a chi ha varie forme di disabilità, la piena fruizione della propria abitazione con tutti i suoi impianti. Ne beneficerà uno studente universitario di Ingegneria Biomedica, lavoratore con esperienza nel settore, sottoposto a un intervento di amputazione della gamba sinistra nel 2010, basteranno due telecomandi per controllare l’abitazione in piena autonomia e lavorare e studiare da casa.

L’alloggio è un bilocale, di recente costruzione, con una superficie complessiva di 54 metri quadrati: è dotato anche di posto auto coperto. Oggi l’appartamento si presenta completamente arredato e domotizzato sulle specifiche esigenze lavorative e di vita del primo ospite con disabilità. I lavori di domotizzazione sono stati affidati alla ditta Audiotime S.r.l., rappresentata da Massimo Marucci, che da anni lavora nel settore della domotica e dell’automazione per abitazioni.

L’abitazione che sarà abitata dal 28enne per i prossimi otto anni è stata dotata di sistemi intelligenti che, da soli, esercitano il controllo su tutti gli impianti elettrici, di climatizzazione, automazioni, sicurezza, videosorveglianza, audio, di telecomunicazione, illuminazione. Quelli di domotica sono infatti impianti innovativi perché volti soprattutto al risparmio energetico e al miglioramento della qualità della vita delle persone che ne usufruiscono all’interno della casa.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui