Meldola, sulla Stelvio per ricordare due ex sindaci

In cima allo Stelvio per ricordare due ex sindaci scomparsi, Loris Venturi e Corrado Ghetti, che tanto hanno fatto per Meldola e la città gemellata di Donj Vakuf, grazie anche alle missioni umanitarie seguite al conflitto nella ex Jugoslavia. Un luogo suggestivo quello scelto dalla delegazione di nove persone dell’associazione sportiva Bk Tetak del comune della Federazione di Bosnia ed Erzegovina, mentre da Meldola è partita una rappresentanza della Croce Verde guidata dal presidente Romano Paglia, con Fausta Minelli, moglie di Corrado Ghetti, e Bianca Rosa Guarisco, consorte di Loris Venturi. Un incontro in alta quota per ricordare i due amministratori scomparsi lo scorso anno.

A promuovere l’iniziativa è l’associazione che ogni settembre, in occasione della Liberazione della città di Donj Vakuf (avvenuta il 14) fa una commemorazione per fatti importanti, come in passato sono state quelle per le donne di Srebenika o per Auschwitz. Quest’anno si è voluto ricordare i due ex sindaci di Meldola. La delegazione dell’associazione sportiva, composta da sette persone più l’autista, dopo aver raggiunto l’Italia con un pulmino, è salita in cima allo Stelvio in bicicletta da Prato allo Stelvio ed è arrivata in cima dove ad attendere c’erano gli “amici” di Meldola.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui