Meldola, due campi da tennis inagibili a causa dei danni dovuti al vento

Meldola, due campi da tennis inagibili a causa dei danni dovuti al vento

MELDOLA. Il circolo tennis è stato duramente colpito dalle raffiche di vento di questi giorni. Due sui tre campi coperti disponibili nella struttura, che di trova in fondo a viale della Repubblica a lato della piscina comunale, sono inagibili. Nella notte fra domenica e lunedì è stata divelta la copertura del campo costruito più recentemente, mentre ieri mattina è stato parzialmente strappato quello del terreno di gioco più vecchio. Il sindaco Roberto Cavallucci aveva già programmato ieri, dopo la notizia del primo danneggiamento, un sopralluogo nella zona degli impianti sportivi, ora l’impegno è raddoppiato.

«Purtroppo si tratta di danni consistenti – spiega Filippo Santolini, assessore comunale ai Lavori pubblici – sia il primo, di due notti fa, che ha interessato il campo più recente, totalmente scoperchiato; che il secondo, che ha interessato questa mattina (ieri ndr) il campo più vecchio dei tre, strappando buona parte della copertura. Adesso dobbiamo capire bene quanto andremo a spendere e fare lo scarico alle assicurazioni che abbiamo sia noi come Comune che il circolo tennis». Chi ama palline e racchette dovrà accettare un periodo con ridotta disponibilità di spazio. «I responsabili del circlo – aggiunge l’assessore – hanno assicurato di voler tutelare soprattutto i corsi di tennis per ragazzi, dando continuità. Poi speriamo di riuscire ad intervenire quanto prima per ripristinare almeno una delle due coperture saltate».

Obiettivo degli uffici comunali sarà quello di intervenire sulla copertura più recente. «Su questa – sottolinea Santolini – non è stato rilevato alcun danno strutturale, dovremo solo acquistare e montare una nuova copertura, per una spesa di circa 40mila euro; per la seconda, invece, dovremmo spendere di più: visto che la struttura è vecchia, conviene rifarla. Mentre per il ripristino del terzo campo si dovrà attendere di più».
Matteo Miserocchi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *