Meldola, assalto di lupi nella notte: uccise 4 pecore

Ancora un assalto di lupi in un allevamento di Ricò di Meldola. La scorsa notte i predatori sono tornati nella proprietà di Claudio Foschi, scavalcando una recinzione dotata di filo spinato e uccidendo 4 pecore. «Se ne è accorta mia sorella, perchè io ero già partito per andare a lavorare – racconta Claudio Foschi, amministratore delegato della ditta “P.I.2000”, che spazia in tutti i settori edili –. Due sono morte lì, altre due non sono che fine abbiano fatto. Nel giro di due anni mi hanno ucciso 53-54 pecore. Nonostante il muro alto 2 metri e 50 centimetri con filo spinato e che va sotto terra per un metro. Lo hanno scavalcato perchè è rimasto del pelo di lupo in cima e anche della lana di pecora e sangue. Non si può andare avanti. Mi sono rimaste 5-6 pecore. Per una persona che le tiene per passione dispiace trovarle così, voglio bene ai miei animali. Mi piange il cuore veramente».

Oltre all’affetto anche una perdita economica. Per ogni capo ucciso dai lupi si può fare richiesta per ottenere un risarcimento. «Sono 40 euro a pecora, non servono a molto – ammette Foschi – sono state uccise pecore che arrivano a costare anche 250 euro, pesando 80-90 chili. La notte stanno al riparo, con il loro recintino alto 2 metri e 50, ma i lupi vanno dentro anche alla stalla, lo trovano il sistema per entrare. Io dal vivo non li ho mai visti. La notte scorsa sono andato via alle 4 per lavoro, dopo aver fatto un giro lì intorno, ma non ho visto nulla, devono essere arrivati poco dopo».

Come ha raccontato lo stesso titolare, non è la prima volta che il suo allevamento è finito nel mirino dei lupi. Cinque volte nell’arco di due anni, l’ultima volta era successo nel luglio scorso e in quella occasione furono sei gli animali uccisi. Una preoccupazione per molti possessori di animali che devono stare attenti alle incursioni notturne di lupi affamati. Anche chi ha cavalli o puledri preferisce chiudere nelle stalle gli animali e comunque non dorme certamente sonni tranquilli.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui