Bisogna dire la verità: quando un quarto di secolo fa, Giordano Sangiorgi e i suoi collaboratori ebbero l’idea di lanciare un festival delle cosiddette “indie”, nessuno pensava che sarebbe arrivato a un tale livello nazionale e internazionale e a un tale “peso” nel rilancio della musica italiana. Quindi onore al merito se 25 anni dopo siamo ancora qui a presentare il Meeting delle etichette indipendenti, una sigla, il Mei, che tutti conoscono nel settore e che ha fatto di Faenza, fino ad allora ceramico-dipendente, una delle capitali italiane della musica insieme a Sanremo.

La musica indipendente si ritrova dunque da oggi in Romagna, non tanto per autocelebrarsi (ma anche per quello, giustamente) quanto per scoprire e sottolineare quanto c’è di nuovo in giro attraverso il consueto tourbillon di concerti, incontri, premiazioni, mostre, eventi online e meeting. E, naturalmente, qui il Covid non “suona”.

“Mei anno zero” è il titolo di questa edizione, scelto per segnalare l’importanza della ripartenza di un settore ancora fermo e per sostenere un nuovo scenario da costruire per gli invisibili del settore della musica, cioè tutte quelle imprese e quei lavoratori che rischiano di chiudere dal prossimo anno se non si ripartirà e se non arriveranno sostegni e aiuti concreti.

Il programma di oggi

Prima giornata e inaugurazione alle ore 17.30 in piazza Nenni (già Piazza della Molinella) con un incontro dedicato al compianto cantante ravennate Titta, leader della storica rock band demenziale Titta e le Fecce Tricolori: all’incontro partecipa la band de I Santini.

Contemporaneamente in Galleria della Molinella, verrà inaugurata la mostra “Mei 25. Manifesti e cataloghi”, con interventi dei rappresentanti del Comune di Faenza e della Regione Emilia-Romagna.

A partire dalle 20, in Piazza del Popolo, in programma il concerto “Buon compleanno Castellina”: un omaggio dell’Orchestra Castellina-Pasi al maestro Castellina, autore di brani della tradizione musicale romagnola nonché della colonna sonora del cartone animato Lupin III.

Già dal pomeriggio Anna Galletti e Elena Camerone ricordano la figura del maestro Castellina.

Alle ore 21 sul sagrato di Santa Maria dell’Angelo concerto per la Caritas con la Rock Band Faentina formata da Matteo Donati, Felix Ossa, Daniele Monti, Marco Donati, Stefano Guerrini e Caterina Gambi & Band

Il neo eletto sindaco Massimo Isola, da sempre vicino alla manifestazione anche come assessore alla Cultura, ha detto che «il Mei è molto importante in questa fase complicata per la musica e per i musicisti, con particolare attenzione verso quelli più fragili, e siamo molto contenti come Comune di dare supporto a questo settore e di offrire ai cittadini faentini in tutta sicurezza una grande tre giorni di musica per tutte le generazioni».

Argomenti:

faenza

MEI

musica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *