Meeting al via dal 20: tutti gli spettacoli

Il Meeting torna in piazza e dal 20 al 25 agosto piazza Tre Martiri grazie alla collaborazione con il Comune di Rimini, si trasformerà nell’Arena SGR sotto le stelle.

È stato presentato ieri alla stampa il cartellone degli eventi di spettacolo dell’edizione 2021 della kermesse riminese, da Bernhard Scholz, presidente della Fondazione Meeting, Giampiero Piscaglia, assessore comunale alla Cultura, Otello Cenci, responsabile dipartimento spettacoli del Meeting e Giordano Sangiorgi, fondatore e patron del Meeting degli Indipendenti di Faenza.

«Il Meeting non sarebbe il Meeting senza gli spettacoli!», ha immeditamente sottolineato Bernhard Scholz. «La bellezza è linguaggio universale e, fin dalla sua origine, alla base di questa manifestazione che desidera aprire un dialogo con tutti. La bellezza dello spettacolo si arricchirà anche della bellezza della cornice di piazza tre Martiri, dove saranno aperti a tutti i cittadini, Vorrei aggiungere la mia gratitudine particolare per l’ampia partecipazione di giovani artisti (140 gli iscritti) al contest musicale Meeting-Mei , che vedrà il concerto dei finalisti alla suggestiva Arena Lido».

«Abbiamo bisogno di presenze come quella del Meeting», ha commentato l’assessore Piscaglia. «Gli eventi in piazza Tre Martiri, la finale del contest all’Arena Lido, le proiezioni nella Corte degli Agostiniani, le mostre ospitate dal Part si inseriscono armoniosamente con la programmazione di spettacoli e manifestazioni del Comune e contribuiscono ad arricchirla».

Edizione coraggiosa

È quindi toccato a Otello Cenci illustrare i contenuti dei molti eventi in programma: «Quello di quest’anno è un Meeting coraggioso, che ha il coraggio di mettere gli eventi artistici al centro delle città. Sulla linea proposta dal titolo – “Il coraggio di dire io” – si ripropone, attraverso gli eventi artistici, in un momento storico in cui ve n’è particolare bisogno, di offrire un occasione di risveglio attraverso la bellezza e di scoperta per i giovani della propria vocazione, e l’incontro con grandi maestri come Uto Ughi e Pupi Avati.

La serie degli spettacoli si aprirà il 20 agosto alle 21.30, nel segno del grande virtuosismo con il concerto del celebre violinista: “Uto Ughi and friends”, accompagnato da un Ensemble da lui composto di sedici elementi. In programma l’esecuzione, in collaborazione con l’Emilia-Romagna Festival, delle “Quattro stagioni” di Antonio Vivaldi.

In contemporanea, sul palco spettacolo Piscine ovest della Fiera, la prima serata del “Meeting Music Contest” che in collaborazione con il Mei di Faenza vorrà riproporre finalmente la musica dal vivo. I concorrenti saranno giudicati e selezionati dalla giuria composta da Lorenzo Baglioni, Naip, Erica Mou, Federico Mecozzi, Max Monti e da altri rappresentanti del settore discografico e musicale.

Nei 700 anni dell’anniversario del Sommo Poeta, “Dante 2021. Mi ritrovai… dalla selva oscura al Paradiso”, in collaborazione con Associazione italiana centri culturali ed il Teatro delle Albe di Ravenna, porterà in piazza lo spettacolo ideato da Marco Martinelli, da anni impegnato nel progetto di avvicinamento all’anniversario dantesco con la realizzazione delle chiamate “corali” che nel none di Dante vedono in scena attori non professionisti.

Cevoli e Mecozzi

Sempre attesissimo dal pubblico del Meeting, Paolo Cevoli porterà in scena “La Sagra famiglia”, ovvero genitori e figli. Dramma della nostra epoca. Cevoli racconterà la sua storia personale di padre e di figlio paragonata con ironia e leggerezza ai grandi classici: Edipo, Ulisse, Achille, Enea, fino ad arrivare a Dio in persona con Mosè e il popolo ebraico.

Violinista riminese affermatosi come esecutore così come compositore e arrangiatore, Federico Mecozzi sarà in concerto il 22 agosto. Dopo aver collaborato per diversi anni con Ludovico Einaudi, ha pubblicato nel 2019 il suo primo album da solista “Awakening”. Le colonne sonore da lui composte ed interpretate insieme a Ludovico Einaudi, hanno accompagnato il trionfo di “Nomadland” e “The Father” agli Oscar 2021.

Da segnalare inoltre le serate musicali di: “Spirto gentil” con il pianista Pietro Beltrani e “Mandulinata a Napule”, con Ambrogio Sparagna; le musiche del Trio Napulammorem, lo spettacolo teatrale “Il sogno di Giuseppe” di Luca Doninelli, allestito dal Teatro de Gli Incamminati. In scena l’attore Maurizio Donadoni.

Informazioni e contatti: 0541 783100, prenotazioni su App Meeting e vivaticket.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui