Massa Lombarda, ragazze palpeggiate: 42enne ai domiciliari

Il giudice per le indagini preliminari Andrea Galanti ha convalidato l’arresto del 42enne di origini marocchine che, sabato notte, è stato tratto in arresto a Massa Lombarda all’interno di un bar del centro cittadino, dopo avere molestato sessualmente due ragazze rispettivamente di 18 e 17 anni.
Il gip ha disposto gli arresti domiciliari nei confronti dell’uomo, che era assistito dall’avvocato Simone Balzani, a fronte della richiesta del carcere avanzata dalla Procura della Repubblica.
Stando a quanto ricostruito dai carabinieri del Nucleo Radiomobile della compagnia di Lugo, lo straniero aveva bevuto quando, a cavallo della mezzanotte, ha incrociato le due giovani nell’antibagno del locale.
Le avrebbe palpeggiate, cercando poi di impedire loro di uscire bloccando la porta.
Da qui, oltre all’accusa di violenza sessuale aggravata dalla minore età di una delle due ragazzine, è arrivata anche la contestazione di violenza privata.
A dare l’allarme era stata la barista che ha sentito le urla non appena le clienti sono riuscite ad allontanarsi dal bagno. A quel punto anche il padre delle due, che in quel momento le stava attendendo a un tavolino, ha affrontato il 42enne, in attesa dell’arrivo dei militari.
Comparso lunedì davanti al gip, l’uomo ha negato i fatti contestati, pur ammettendo di avere alzato il gomito. In Italia ormai da anni (è in regola sul territorio nazionale dal 2014), non ha precedenti penali o di polizia, né altre segnalazioni. Per questo, anche alla luce del fatto che la sorella si è offerta di ospitarlo presso la propria abitazione, il giudice ha concesso gli arresti domiciliari.
Per le vittime delle presunte molestie lo choc è stato forte. Dopo il fatto, una delle due si è recata al pronto soccorso di Lugo chiedendo un consulto psicologico.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui