Mangiare bene e sano durante le feste: a tavola senza rinunce

Paste imbottite o pasticciate, carni particolarmente condite, timballi, piatti tradizionali di ogni dove ai quali si aggiungono panettone, pandoro e altri dolci regionali: il Natale e le feste natalizie diventano per molti un’occasione per eccedere con il cibo e per lasciarsi andare agli stravizi. Ma è bene conservare alcune regole per avere un’alimentazione gustosa e al tempo stesso sana, senza dover rinunciare ai propri piatti preferiti: «Il maggior contenuto calorico nei giorni di Festa – spiega la dottoressa Gabriella Pasini, dietista del Polo Sanitario Santa Teresa di Ravenna – viene ingerito attraverso le bevande alcoliche e gassate. Una buona norma sarebbe di non bere più di mezzo bicchiere per ogni pasto. Superare i 200cc al giorno, soprattutto per le donne, rappresenta un problema per la digestione e anche per la capacità di assorbimento dell’alcol. L’alcol è sconsigliato negli anziani e ovviamente nei bambini (anche se durante le Feste, qualcuno azzarda un assaggio), perché è nocivo per il fegato e danneggia l’attività cerebrale».

Nei giorni canonici quasi tutti affrontano un pasto completo: «Mangiare un primo abbondante ed elaborato e poi un secondo con contorno rappresenta un’abitudine molto diffusa durante le festività. Anche le verdure, in queste occasioni, sono arricchite e possono essere fritte o servite con besciamella o altre salse. Proprio in virtù di un pranzo così elaborato, la sera sarebbe bene fare una cena leggera a base di una verdura cotta accompagnata da pane e magari con l’aggiunta, non indispensabile, di un pezzetto di formaggio o di una o due fette di prosciutto».

Mai saltare i pasti: «È abitudine abbastanza diffusa quella di saltare la cena per compensare il pranzo esagerato, ma ciò non è salutare per l’intestino, perché dopo essere stato messo a dura prova durante il pasto principale, potrebbe andare incontro a problemi di motilità. L’ideale sarebbe mangiare, invece, del pane e un po’ di verdura».

Non dimenticare mai di bere l’acqua: «L’acqua rappresenta la base della nostra piramide alimentare. È indispensabile soprattutto in questi giorni in cui il nostro organismo è messo sotto sforzo. Bisognerebbe berne sempre 8/10 bicchieri distribuiti durante tutto il dì. Gli anziani sono coloro che tendono a perderne di più».

E inoltre fare attenzione a quando consumare i dolci: «Quasi sempre un pranzo o una cena di Festa si conclude con una grande fetta di dolce. Quasi nessuno riesce a rinunciare a questo desiderio insopprimibile, ma sarebbe molto meglio mangiarla per merenda, per esempio, insieme a una tazza di un infuso caldo».

La frutta, alimento che non si dovrebbe mai dimenticare in una corretta alimentazione in questo periodo assume un ruolo leggermente differente: «Tra dolci, bevande alcoliche e gassate, gli zuccheri ingeriti sono già molti, quindi si può consumare una minor quantità di frutta, magari soltanto uno o due (invece di tre come dovrebbe essere di consuetudine), ma mai dimenticare la verdura!».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui