Mamma uccisa a coltellate, il figlio dalla cella alla Psichiatria

CESENA. É durata solamente una dozzina di ore la permanenza in cella di Federico Verdoni: il 29enne che due sere fa a Bora di Mercato Saraceno ha accoltellato a morte la madre Luciana Torri di 64 anni. Fuggito nudo di casa e per questo bloccato dai carabinieri in piazza San Pietro in Solfrino a Borello, dopo aver accennato al racconto del delitto si è trincerato nel totale silenzio sia con il pubblico ministero che si occupa dell’inchiesta (Filippo Santangelo) che con i carabinieri che lo hanno condotto poco prima dell’alba in cella alla Rocca di Forlì.

Federico Verdoni

Ad investigatori ed inquirenti il 20enne era parso fin dai primi momenti scosso e non particolarmente lucido nella comprensione di quanto gli accadeva attorno. La sua condizione è evidentemente trascesa pian piano ed ulteriormente fino all’incompatibilità carceraria, visto che le guardie ed il personale medico sanitario della prigione forlivese hanno deciso per lui il trasferimento nel reparto d Psichiatria del Morgagni-Pierantoni,. Dove viene piantonato in stato di fermo per l’accusa di omicidio ed attende (difeso dall’avvocato Marco Moretto) sia l’interrogatorio di garanzia che la convalida dell’arresto davanti al Gip.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui