“M’illumino di meno”: Rimini abbassa di un grado i termosifoni negli uffici del Comune

Anche quest’anno il Comune di Rimini aderisce a M’Illumino di Meno, la campagna di sensibilizzazione sul risparmio energetico e sugli stili di vita sani in programma venerdì 11 marzo, lanciata da Caterpillar, trasmissione radiofonica in onda su Radio Rai 2.

Spegnere, pedalare, rinverdire, migliorare: è questo l’invito dell’iniziativa, a cui l’amministrazione comunale di Rimini ha deciso di partecipare spegnendo simbolicamente Castel Sismondo, il Ponte di Tiberio (lato monte), la Fontana della Pigna in Piazza Cavour e la Statua raffigurante Papa Paolo V.

Un blackout di 60 minuti, dalle ore 19 alle 20, per accendere la speranza di un pianeta più virtuoso e per porre l’attenzione sull’importanza dei valori che ruotano attorno al concetto di sostenibilità ambientale.

“’M’illumino di meno’ è ormai diventato un appuntamento fisso del nostro calendario, al quale prendiamo parte tutti gli anni con piacere e soprattutto consapevoli della rilevanza di iniziative che, come questa, vogliono aprire una riflessione su tematiche strategiche per il futuro – spiega l’Assessora alla Transizione ecologica del Comune di Rimini Anna Montini –. In questo delicato momento, reso particolarmente difficile dal rincaro delle bollette e da una guerra che rischia di far schizzare ulteriormente i prezzi, il significato del risparmio energetico assume un valore ancora più ampio. È una fase che richiede una riorganizzazione delle abitudini e la massima oculatezza nei consumi, e, proprio per questo, penso che un segnale importante debba arrivare dalle pubbliche amministrazioni, che devono essere le prime a fronteggiare le situazioni di crisi e dare risposte concrete. Insieme all’Assessora Francesca Mattei, abbiamo infatti proposto di abbassare di un grado le temperature degli uffici del Comune di Rimini, escluse soltanto le scuole, e ridurre l’orario di accensione. Misure che devono rimanere in vigore fino al permanere dell’emergenza, in modo tale da ridurre le spese e promuovere un messaggio preciso e indispensabile che arrivi a tutta la comunità”.

Oltre al ‘buio’ di quattro simboli della città, in occasione di questa edizione, verso le 9.30, verrà messo a dimora un albero nel Parco Marecchia, lato Ravenna, nei pressi di via Laurana. Una piantumazione che vuole sottolineare la rilevanza del patrimonio arboreo come parte attiva del nostro ambiente sul fronte della mitigazione del clima e dell’abbattimento di Co2.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui