Lugo, una roulotte per camerino: “Ci aprì la porta Carla Fracci”

Se ne è andata a 84 anni Carla Fracci, in punta di piedi, proprio come aveva ballato per tutta la vita. Quel numero 84 per la città di Lugo rappresenta qualcosa in più: in quell’anno (1984) la ballerina milanese deliziò i seimila spettatori seduti sugli spalti allestiti all’interno del settecentesco quadrilatero lughese. Carla Fracci fu la protagonista indiscussa della rassegna “Pavaglione Estate” dell’84, dove si esibì in “Francesca da Rimini” con George lancu.

In quelle tribune c’era anche Daniela Versari, che con un’amica andò a vedere quello spettacolo. Aveva 28 anni e la giovane età la spinse a mettersi in fila per un autografo, che invece diventò molto di più.

Sulla roulotte insieme a lei

«Ho avuto la possibilità di avvicinarla a fine spettacolo – racconta oggi la signora -. Io e la mia amica ci eravamo avvicinate a quella roulotte che fungeva da camerino, nella speranza di portare a casa un autografo. Eravamo le ultime della fila, ma quella timidezza che ci impedì di sgomitare con le altre persone è stata provvidenziale. Carla era con suo marito e con suo figlio, ci vide e alla fine ci fece salire su quella roulotte. Parlammo di Lugo e della piscina dove suo figlio desiderava andare. Una grande artista, una madre attenta e per noi un mito, ma lì in quel momento eravamo tre donne e un ragazzino».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui