Lugo, “Passeggiata della speranza” dei bambini contro il Covid

A volte basta poco per sperare in qualcosa di buono, e con questo intento ieri mattina a San Lorenzo alcuni bambini hanno sfilato per le vie del centro, tra le sparpagliate attività rimaste aperte nonostante gli effetti della pandemia.

La “Passeggiata della speranza”, così si chiamava l’iniziativa, ha visto i bimbi della scuola dell’infanzia “Don Galassi”, accompagnati dalle loro dade, attraversare le vie del paese e portare un po’ di spensieratezza a chi li guardava e aspettava dalle finestre. Nulla di eccezionale se non fosse che per molti mesi tra zone rosse e lockdown quel clima di normalità era quasi svanito.

Le limitazioni, peraltro, nelle frazioni hanno sempre impattato molto di più che nei centri più densamente popolati.

Le “bacchette magiche”

I piccoli nei giorni precedenti avevano preparato delle piccole “bacchette magiche”, decorate con fiori di primavera e frasi, da distribuire alle persone del paese; sentendoli cantare e sghignazzare gli abitanti della piccola frazione lughese hanno atteso il loro omaggio, ben distanziati.

La breve escursione si è conclusa davanti alla “Casa protetta Serena”, nella quale soggiornano diversi anziani che per qualche minuto hanno salutato tutti quei “nipoti acquisiti”.

La fine di un brutto periodo

«È solamente un piccolo gesto – spiegano le maestre della “Don Galassi” – che vuole distribuire un po’ di gratitudine e speranza nei confronti dell’intera comunità di San Lorenzo, che in tutti questi anni ha sempre fatto tanto a sostegno della propria scuola dell’infanzia e della sezione primavera. In questo momento ci sembrava importante più che mai far sentire al paese la presenza gioiosa dei bambini, con l’obiettivo speranzoso di intravedere la fine di un periodo tanto duro come quello che abbiamo trascorso».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui