LUGO. Il ritorno alla normalità dell’ospedale “Umberto I” di Lugo dopo l’emergenza covid-19 riparte con la ripresa dell’attività dell’ambulatorio urgenze pediatriche. Attività che verrà ripristinata da lunedì prossimo, 1 giugno, in una prima fase con orario mattutino 8–14 tutti i giorni della settimana. «Questa graduale ripresa dell’attività, che era stata sospesa a seguito della pandemia – spiega una nota dell’Ausl Romagna – verrà svolta da un medico dell’unità operativa di pediatria di Ravenna-Faenza-Lugo diretta da Federico Marchetti e da due infermieri. Le attività prevedono la visita in regime di pronto soccorso con eventuale uso della diagnostica di laboratorio o di immagini nei casi necessari. Il primo accesso dei piccoli pazienti avverrà dal pronto soccorso generale, e laddove vi sia necessità di osservazione breve, al momento restano invece operativi i presidi di Ravenna e Faenza».
«Si tratta di un modello di ripresa di attività innovativo – spiega il dottor Marchetti – che coniuga nel modo più efficace possibile l’assistenza ospedaliera con quella della medicina territoriale. Molto importante è dunque il ruolo dei pediatri di famiglia del territorio».

Intanto vi sono anche altre situazioni in evoluzione all’ospedale lughese, che comunque resterà operativo sul tema covid. A seguito del minor impatto che l’infezione sta avendo, nei giorni scorsi ha chiuso l’area dedicata covid che era situata al pianterreno, capace di 30 posti letto e che, adeguatamente predisposta e sanificata, torna alla sua funzione di medicina interna.

Argomenti:

coronavirus

lugo

ospedale

pediatria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *