Longiano, ultimati i lavori in centro: giardino riaperto

Lavori in centro: terminato il terzo stralcio da 250.000 euro. Sono state tolte ieri le transenne anche nel giardino centrale, e molti si sono subito avventurati sui nuovi sentieri. Tutto il cuore del borgo è tornato passeggiabile, dopo essere stato restituito all’antico splendore. Nelle settimane scorse c’era stata qualche lamentela per i lavori a rilento, ma lo slittamento risulta motivato e autorizzato. Ora si è giunti alla meta e chi arriva a Longiano si ritrova con un colpo d’occhio piacevole e senza più barriere architettoniche dal giardino centrale fino alla chiesa di San Giuseppe. Con i tre stralci, che messi assieme hanno richiesto una spesa di 1 milione e 80.000 euro, anche altre parti del borgo antico sono state riqualificate, mettendo in sicurezza le mura al basamento del castello e ricavando una piccola area spettacoli in via Giannini. Inoltre, tutti i sottoservizi sono stati messi a norma, e si tratta di opere non visibili ma di vitale importanza. I nuovi marciapiedi sono a livello strada e questo permette, anche durante le manifestazioni ricreative e culturali, di non avere ostacoli. Nel giardino centrale ora manca solo l’apertura della fontana. Ma già da ieri i longianesi si sono riappropriati dell’uso del giardino. Grandi e piccoli ci passeggiavano, incuriositi.

«La fontana è ancora transennata – spiega il sindaco Mauro Graziano – in quanto è stato necessario acquistare nuovi pezzi, ora già montati ma con luci e impianto idraulico da ultimare. La fontana è in graniglia, e le sedute tutto attorno sono della stessa pietra, forte e non gelida, dei marciapiedi. Per completare la rinascita del borgo di Longiano – prosegue – ora mancherebbero i restauri del giardino di fronte al teatro Petrella, delle piazze Tre Martiri e San Girolamo e dello storico fabbricato San Girolamo, che ospita il museo delle maschere in ghisa, oltre ai relativi sottoservizi. Purtroppo non ci è stato accordato un contributo importante, ma avendo già pronto l’impianto di progettazione lo riproporremo a valere su altri bandi». La vice sindaca Sara Mosconi aggiunge: «Siamo soddisfatti per aver portato a termine un’opera iniziata dalla precedente amministrazione. È un cantiere che, nella sua semplicità, si è dovuto misurare con i problemi legati al particolare momento storico: prima il Covid e a seguire il difficile reperimento delle materia prime ne ha prolungato i tempi. Ora, terminato il terzo stralcio, anche il giardino è finalmente a disposizione della cittadinanza e ritorna ad essere centro della convivialità del paese».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui