Longiano, sos sicurezza: un’agente in più per controlli serali

«La sicurezza è una priorità». Lo garantisce l’amministrazione comunale di Longiano, che prova a dimostrarlo coi fatti, inserendo un’agente in più nella polizia locale, che consentirà di fare pattugliamenti anche serali. E stanno arrivando nuovi strumenti tecnologici per controlli sul versante stradale. Lunedì scorso è entrata in servizio una vigilessa con un incarico stagionale, della durata di 4 mesi. Il numero dei agenti passa così da tre a quattro, con la possibilità di controllare meglio il territorio, prolungando il tempo di pattugliamento anche nelle ore serali, soprattutto in caso di eventi. Questa misura va a ad aggiungersi alle altre azioni di coordinamento e sorveglianza per la sicurezza. Sul territorio funzionano una dozzina di telecamere per la videosorveglianza, in funzione 24 ore su 24 in varie parti del territorio comunale. A questo si aggiunge il “controllo di vicinato” da parte di alcuni volontari in varie frazioni e nel capoluogo. Nei mesi scorsi, il quartiere di Budrio-Badia aveva depositato una petizione in Comune, con 82 firme di famiglie che chiedono «misure volte a tutelare e incentivare la sicurezza urbana», facendo notare che l’attività di controllo del territorio svolta dai carabinieri di Longiano è apprezzabile, ma da sola non è sufficiente. Il Comune ha inoltrato la petizione a Forlì, agli enti superiori, ma al momento non c’è «È anche grazie alle sollecitazioni pervenute da alcuni cittadini – informa il sindaco Ermes Battistini – e al contatto diretto e coordinato fra forze dell’ordine, specialmente carabinieri e amministrazione comunale, che si sono intensificate le attività di vigilanza nelle zone del nostro territorio più soggette a fenomeni di vandalismo». Ma puntualizza che «la sicurezza si deve intendere a 360 gradi, non solo relativa ai vandalismi. La sicurezza stradale è altrettanto importante. Per questo il Comune è in procinto di aumentare la sua dotazione di strumenti di prevenzione: è in fase di acquisto un rilevatore di velocità (in dotazione alla polizia municipale, oltre alla dozzina di Velo ok fissi sul territorio, ndr), in modo da essere autonomi nella gestione del controllo stradale». Andrà ad aggiungersi al «“Targa system”, già a disposizione della polizia locale per rilevare le auto che transitano senza collaudo e assicurazione».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui