Longiano: storica celletta anti pandemia rotta da un’auto pirata

Demolita una delle due splendide cellette a metà strada tra Crocetta e Longiano. Nottetempo un veicolo l’ha urtata e poi l’automobilista si è dato alla fuga.

È una delle cellette anti-pandemia. Nel corso dell’Ottocento, a causa dei vari scambi commerciali, il colera si diffuse nelle città europee, con varie epidemie. Alcune di queste giunsero anche in Italia, tra il 1835 e il 1893, con conseguenze drammatiche. All’epoca malattia misteriosa e inguaribile, oggi sappiamo che è causata da un bacillo che si introduce nell’organismo, moltiplicandosi nell’apparato digerente. Quando iniziò a diffondersi in Europa la soluzione più ovvia fu quella di istituire cordoni sanitari marittimi e terrestri. C’è anche una tradizione che vuole che a Longiano, nel 1869, vennero edificate due celle costruite a forma di colonne rotonde, appaiate una vicina all’altra, lungo la strada che dal capoluogo scende a Crocetta. Secondo la tradizione, quando la pandemia dalla pianura salì verso la collina si arrestò in quel punto e non arrivò mai nel borgo. Passata l’emergenza la popolazione, per gratitudine, volle costruire due cellette nel punto in cui il colera si era fermato. Nella cella di sinistra c’è un’immagine della Madonna, in quella di destra di Sant’Antonio.

Nella notte tra giovedì e venerdì fa una delle due cellette è stata centrata da un veicolo che l’ha spezzata alla base ed è rotolata nel fosso. Impossibile che il guidatore non se ne sia reso conto, perché il botto deve essere stato enorme, come pure il mezzo dovrebbe aver riportato seri danni. Ma ha preferito darsi alla fuga. Così al mattino le prima auto che passavano in zona si sono subito accorte che mancava una celletta. Così hanno avvisato il Comune di Longiano che ha mandato gli operai a recintare l’area dell’incidente e la polizia locale a effettuare i rilievi di legge per scovare l’autore. «Al Comune non è rimasto al momento altro da fare che constatare il sinistro – afferma il vicesindaco di Longiano, Mauro Graziano – la polizia locale però ha potuto accertare il tipo di vernice presente sul manufatto a terra e l’altezza di dove ha subito il colpo decisivo che l’ha staccata da terra. Ora ha ristretto il campo a un certo tipo di veicolo e a un certo colore. Poi adesso sta visionando i filmati delle telecamere presenti a Crocetta e a Longiano per cercare di individuare un mezzo in transito con queste caratteristiche».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui