Longiano, altri furti nei cimiteri a alle persone decedute

Furti di vasi, arredi, fiori e cassettina offerte. Continuano senza soluzione di continuità gli odiosi saccheggi nei cimiteri di collina. E sparito per la quarta volta un mazzo di fiori lasciato per strada nel punto dove l’anno scorso è morto un giovane motociclista.

Tartassati i cimiteri di Badia e quello di Massa-Balignano dove spesso spariscono oggetti e fiori. Il fenomeno è riesploso quest’anno. Sono spesso oggetti che non hanno un alto valore, ma restano comunque furti odiosi che fanno imbestialire chi li subisce, in quanto vanno a ledere quel legame che li tiene uniti ai cari estinti. Ultimamente è il cimitero di Badia il più frequentato dai ladri.

Nelle settimane scorse a Massa/Balignano si era discusso di telecamere per frenare i furti, ma ancora non sono state montate. Qualche cittadino aveva messo finti cartelli, poi fatti togliere dalla polizia locale ed è tornata subito zona di “prelievo”. Stavolta è stata rubata la cassettina delle offerte chiusa a chiave, che si trovava dentro la chiesina. Probabilmente conteneva solo pochi spiccioli.

La famiglia Cucchi, che ha due giovani morti in incidenti fotocopia in moto, informa di aver subito altri furti di vasetti di fiori a Badia e per la quarta volta del mazzo di fiori finti collocato alle porte di Longiano nel luogo dell’incidente mortale del 42enne Alex, avvenuto lo scorso 19 settembre. .

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui