La Corte penale di Tripoli ha condannato all’ergastolo Giulio Lolli, l’ex patron della società “Rimini Yacht” scappato in Libia nove anni fa, ironia della sorte, per sfuggire alla giustizia italiana.
L’italiano, originario di Bertinoro, è stato riconosciuto colpevole di avere fiancheggiato il gruppo armato islamista “Consiglio rivoluzionario della Shura di Bengasi”. Alcune foto, considerate come elementi di prova, lo vedrebbero ritratto a bordo di imbarcazioni, adibite al trasporto di mezzi militari e di armi, al fianco di esponenti di primo piano della fazione osteggiata da chi attualmente detiene il potere a Tripoli.

I particolari sul Corriere Romagna oggi in edicola

Argomenti:

ergastolo

Giulio Lolli

libia

rimini yacht

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *