Lo scrittore riminese Marco Missiroli vince il premio "Strega giovani"

Mer 12 Giugno 2019 | Redazione Web


ROMA. Si dava in pole position per riceve il Premio Strega (è già entrato nei 12 finalisti) di cui proprio oggi verrà resa nota la cinquina. Ma intanto il riminese Marco Missiroli con il romanzo “Fedeltà” (Einaudi) si aggiudica la sesta edizione del Premio Strega Giovani, promosso dalla Fondazione Maria e Goffredo Bellonci e dalla Strega Alberti. La consegna è avvenuta ieri a Montecitorio.


Missiroli ha ricevuto 55 preferenze sui 408 voti totali, risultando così il romanzo più votato dalla giuria composta da ragazze e ragazzi fra i 16 e i 18 anni. Insieme alla seconde e alla terza classificate Marina Mander e Nadia Terranova, che hanno ottenuto 45 voti ognuna, Missiroli ottiene così un voto valido per la designazione dei finalisti al Premio Strega che potrebbe tornargli molto utile per entrare nella finale del 4 luglio al Ninfeo di Villa Giulia. Un premio, quello Strega Giovani, assegnato dai nuovi lettori, dato che i giurati sono studenti di 55 scuole superiori europee. Durante la cerimonia, condotta dalla scrittrice e giornalista di Radio Tre Loredana Lipperini, sono intervenuti Giovanni Solimine e Stefano Petrocchi, presidente e direttore della Fondazione Bellonci, Giuseppe D’Avino, presidente di Strega Alberti Benevento e la scrittrice Lia Levi, vincitrice del Premio Strega Giovani 2018.


Gli autori concorrenti al Premio Strega 2019 si ritroveranno al Tempio di Adriano questa sera dalle ore 21, per l’annuncio della cinquina dei finalisti. Il seggio sarà presieduto da Helena Janeczek, vincitrice del Premio Strega 2018. Sarà possibile seguire lo scrutinio dei voti in diretta streaming su Rai Cultura, a partire dalle ore 20.30. Tra i favoriti proprio Missiroli, insieme ad Antonio Scurati, che alla sua terza partecipazione ha già sfiorato due volte la vittoria.

L’autore riminese era stato presentato da Sandro Veronesi che ha parlato di “Fedeltà” come di quei romanzi di cui «si usa dire che fanno epoca».

Condividi su Facebook    Condividi su WhatsApp

,

Scrivi un commento...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *