RAVENNA. Due grandi italiani, Riccardo Muti e Massimo Cacciari, un dialogo d’eccezione: il divino tra immagine e musica. “Le sette parole di Cristo” (edito da Il Mulino) è il titolo del libro scritto dal maestro, in dialogo con il filosofo. Masaccio e la «Crocifissione», con il suo fondo dorato che ferisce gli occhi, con la Maddalena prostrata ai piedi della croce; Haydn e la musica delle «Sette ultime parole del nostro Redentore in croce», espressione straziante del sacrificio di sé. Masaccio e Haydn si fondono in un’unica immagine, come ci svela questo dialogo d’eccezione. Le parole di Cristo morente si fanno suono e senso universale che trascendono l’immagine stessa, divenendo pura astrazione.

Argomenti:

libro

Massimo Cacciari

riccardo muti

sette parole di cristo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *