Liberazione, il programma delle celebrazioni a Cesena

CESENA. Domani Cesena celebra il 74° anniversario della Liberazione. Questo il programma delle iniziative. Già dal primo mattino (alle 8) saranno deposte corone celebrative nel cimitero militare degli Alleati, sulla lapide a Mario Guidazzi, sul Monumento ai caduti di Cefalonia, sulla lapide in ricordo agli ebrei caduti e deportati per motivi razziali, sulla lapide alla Città di Cesena e sulla lapide ai caduti partigiani, sulla lapide alle vittime civili, nello sferisterio della Rocca, nella cripta ossario del cimitero urbano e sul monumento alle vittime di Ponte Ruffio.

Alle 10.15 in piazzetta M. Alboni si raduneranno le autorità civili e militari e della cittadinanza per dare inizio alla cerimonia ufficiale. Da qui, accompagnato dalla Banda musicale “Città di Cesena”, alle 10.30 partirà il corteo che percorrerà viale Carducci fino al monumento ai Caduti della Resistenza, dove sarà deposta una corona. Durante la cerimonia, prenderanno la parola il sindaco Paolo Lucchi e il giornalista a saggista Paolo Mieli.

Nel corso della mattinata, il pittore cesenate Romano Buratti presenterà ufficialmente il suo dipinto olio su tela “I martiri di Ponte Ruffio” realizzato lo scorso anno e donato al Comune per commemorare l’eccidio del ponte di Ruffio avvenuto il 18 agosto 1944.

Durante la cerimonia, si terrà anche la premiazione del concorso “Un manifesto per il 25 aprile” (che è diventato il manifesto ufficiale del 25 aprile a Cesena), vinto dalla studentessa Giorgia Ambrosiani della classe V A dell’Istituto professionale “Versari-Macrelli”.Gli studenti della Scuola Secondaria di primo grado “Via A. Frank”, sedi “Tito Maccio Plauto”, “Anna Frank” e “Oddo Biasini” eseguiranno invece alcuni canti. Come da tradizione, Piazza del Popolo ospiterà la Festa di Primavera e della Liberazione organizzata dall’associazione “Vivere il tempo” (dalle 15.00) in collaborazione con il Comune di Cesena. Sul palco si esibiranno Marco Lazzarini al sax, Stefano Nanni al piano, Gianluca Nanni alla batteria, Giorgino Fabbri al basso, Lele il Saraceno alla voce e chitarra e Paola Fabris alla voce, la partecipazione straordinaria del bassista Massimo Moriconi. Ospite d’onore Mirko Casadei. Anche i Giardini di Serravalle si animeranno con la festa “Liberi dai pregiudizi” (dalle 14.00) con musica, incontri, giochi, spazio bimbi, workshop, banchetti informativi. Durante il pomeriggio sono previsti interventi curati dall’associazione Aidoru, dall’Istituto Storico per la Resistenza e l’Età contemporanea, dal Centro Culturale Islamico di Cesena, dalla Papa Giovanni XIII, dall’Arci Nazionale. La festa è organizzata da Centro per La Pace, Associazione Aidoru e CGIL Cesena con il sostegno della Regione Emilia Romagna e il patrocinio del Comune di Cesena.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui