Leonida Brunetti, a 50 anni dalla morte del pittore forlivese

Cinquant’anni fa venne a mancare Leonida Brunetti (Forlì 1896-1970), pittore legato ai canoni della migliore tradizione figurativa, immeritatamente poco conosciuto nonostante una sostanziosa produzione artistica di buona qualità e poco presente negli eventi espositivi più recenti dedicati al Novecento. Buona parte della conoscenza della sua storia e della sua arte la si deve all’attenzione di Giordano Viroli, purtroppo recentemente mancato, nei confronti degli artisti romagnoli più meritevoli. Il critico e storico dell’arte stila il suo giudizio sull’artista nel volume “Pittura dell’Ottocento e del Novecento a Forlì” edito da Nuova Alfa Editoriale: «Temperamento gentile, dedito a un tonalismo raffinato» e aggiunge un un appunto: «Brunetti sperimentò una forte dipendenza dal Casadei, al punto da non riuscire a conquistare una propria autonomia linguistica».

Con Casadei frequenta le scuole locali di disegno e Leonida, sebbene più vecchio, diventa allievo di Maceo fino al 1915 quando parte per il fronte. Al rientro, con l’amico-maestro, Pietro Angelini, Bernardino Boifava, Francesco Olivucci, Pio Rossi, Carlo Stanghellini e Umberto Zimelli è fra i primi aderenti al Cenacolo artistico forlivese, il sodalizio fondato da Giuseppe Marchini nel 1920, che raccoglie attorno a sé un gruppo di giovani promettenti artisti tutti di matrice figurativa e verista.

L’evento è commentato sul numero di novembre de “La Piè”, la rivista di cultura romagnola fondata e diretta di Aldo Spallicci: «Il Cenacolo artistico forlivese si è inaugurato nei giorni scorsi. Ognuno ha portato la sua fatica a ornamento e decoro della sede sociale… Notevoli i pastelli e le robuste impressioni di Maceo Casadei, accanto a promettenti lavori di Olivucci, Muratori, Gallotti, Brunetti, e Rosetti».

Nella primavera dell’anno successivo, con una serie di quadri nei quali è sempre riconoscibile l’influenza di Maceo, Brunetti partecipa alle Esposizioni Romagnole Riunite, la mostra etnografica che comprende ben 25 raccolte tematiche. Nel 1928 incide i quattro legni delle “vele romagnole” per la copertina di luglio 1928 de “La Piè”, dove esprime con rara efficacia i colori tipici della marineria romagnola.

Nel ’39 è presente alla Mostra interprovinciale del sindacato fascista belle arti dell’Emilia-Romagnaa Forlì. Nel dopoguerra la sua attività espositiva è intensa e costante nella sua città, partecipando alla 1ª Mostra nazionale del disegno e dell’incisione contemporanea del 1952, al Premio Forlì del 1957, alle Biennali romagnole d’arte contemporanea del 1961, 1963 e 1971. Partecipa al Concorso nazionale di pittura a Cesenatico, alla 1ª Mostra regionale d’arte moderna nel 1955 a Riccione e l’anno dopo realizza la sua prima personale a Forlì.

Tutta la sua produzione artistica continua negli anni in perfetta coerenza con la tradizione di rappresentare i soggetti il più possibile corrispondenti alla loro apparenza, occasionalmente ravvivati dall’immediatezza resa con interventi impressionistici. Gli ultimi eventi pubblici a lui dedicati risalgono alla retrospettiva in occasione di “Vecchiazzano incontra l’arte” del 1993 e “Novecento rivelato”, la mostra curata da Orlando Piraccini e Luciana Prati a Palazzo Albertini nell’estate del 2006 che documenta la sua presenza nella Pinacoteca civica di Forlì.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui