Dalla Lega un emendamento che spinge verso la Regione Romagna

Potrebbe aprire la strada a una ipotesi tante volte discussa ma ma sempre rimasta confinata ai dibattiti politici: una nuova Regione. Nello specifico la Regione Romagna. E’ quanto prevede un emendamento della Lega al disegno di legge costituzionale sul referendum propositivo, depositato in commissione Affari costituzionali del Senato da Roberto Calderoli, Maria Saponara e Daisy Pirovano. Il testo spinge per facilitare l’accorpamento di Regioni o la creazione di una nuova Regione con almeno un milione di abitanti, come appunto la Romagna. Dei 503 emendamenti presentati è l’unico della Lega, mentre il Movimento 5 stelle non ne ha depositato alcuno. Se approvato, imporrebbe il ritorno del testo alla Camera.

Attualmente l’articolo 132 della Costituzione prevede la possibilità di “disporre la fusione di Regioni esistenti o la creazione di nuove Regioni con un minimo di un milione d’abitanti, quando ne facciano richiesta tanti Consigli comunali che rappresentino almeno un terzo delle popolazioni interessate, e la proposta sia approvata con referendum dalla maggioranza delle popolazioni stesse”. L’emendamento leghista abbassa di fatto il quorum prevedendo che sia sufficiente la maggioranza ”dei voti validamente espressi dalle popolazioni interessate, purché superiore a un quarto degli aventi diritto al voto”.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui