Le vacanze degli alpini alla scoperta di Rimini

Siamo ormai al countdown. Con la lancetta dei giorni che segna -2. Due giorni di quiete, prima della tempesta. Prima dell’attesa invasione. Prima della grande “Adunata degli alpini” che, tra giovedì e domenica, porterà a Rimini qualcosa come 450mila penne nere. Con una permanenza, però, come avvertono dalla stessa Associazione nazionale Alpini, «che non si ridurrà ai soli tre giorni di Adunata (5-8 maggio, ndr), ma si protrarrà per almeno una settimana». E questo tra pernottamenti negli hotel della Riviera (da Rimini a Bellaria, da Cattolica a Riccione) e nei camper. Confermano dall’Ana: «I prezzi che gli albergatori romagnoli hanno fatto sono ottimi e questo ha permesso a molti alpini e alle loro famiglie di approfittare dell’evento per restare più giorni e visitare la Riviera romagnola e l’entroterra, San Marino compreso. In una sorta di anticipo d’estate».

Tante richieste

Gli alberghi sono già tutti pieni. Sold out, come conferma VisitRimini, agenzia di accoglienza e promozione turistica: «Si prevede il tutto esaurito – scrive la responsabile Valeria Guarisco -. Da alcuni giorni sono ospiti degli alberghi gli organizzatori. La curva delle occupazioni crescerà in modo deciso a partire da mercoledì sera (domani, ndr), per raggiungere il picco massimo nelle notti di venerdì e sabato. Grande l’interesse anche per conoscere Rimini: i nostri operatori – continua la Guarisco – sono costantemente occupati a rispondere alle chiamate di richiesta di informazioni sulla città, sulle sue bellezze, sugli eventi e sui tour in programma. Molto apprezzate anche le escursioni per i gruppi, che si svolgeranno venerdì e sabato alla scoperta dei borghi del territorio riminese, le cui iscrizioni chiuderanno mercoledì 4 maggio. Molto gettonate – conclude la responsabile di VisitRimini – anche le visite guidate individuali alla città di Rimini, di sabato pomeriggio alle 15.30 dal Visitor Center, le cui prenotazioni sono aperte fino a 10 minuti prima della partenza».

Tiberio chiuso

Da oggi il Parcheggio Tiberio, essendo in un’area di attendamento e di eventi, non sarà accessibile per la sosta. Mentre venerdì in occasione della sfilata delle Bandiere di Guerra, le sedi stradali sul percorso che interessa via Silvio Pellico, via Tripoli (fino alla rotonda), via XX Settembre 1821, Arco d’Augusto e il Corso fino Piazza Cavour, verranno interdette temporaneamente al traffico di auto, moto e cicli per il tempo necessario al passaggio della sfilata. Sabato, poi, tutte le scuole di Rimini resteranno chiuse. Inoltre, Start Romagna ha predisposto un piano del trasporto pubblico a supporto dei partecipanti e dei loro spostamenti sul territorio. Mentre il servizio del Metromare, da giovedì a domenica, si attiverà con frequenze intensificate ed estensione di orario di servizio. La linea 4 e la linea 11 saranno potenziate con corse aggiuntive ed estensione di orario. I servizi di trasporto saranno incrementati con ulteriori servizi di navetta nella giornata di domenica: il servizio è attivo dalle ore 6 alle ore 23 con frequenza ogni 10′. Tanti i momenti significativi della quattro giorni riminese: dalle partite di calcio al lancio sullo Stadio (giovedì) di circa dodici paracadutisti -tutti alpini, paracadutisti dell’Ana – all’alzabandiera (venerdì) in piazza Cavour, all’esibizione di tutte le fanfare di cui il Corpo dispone (sono 33), alla sfilata delle 18 Bandiere di Guerra, tutte quelle dei reparti compresi nel Comando Truppe Alpine, che quest’anno festeggia insieme all’Ana il 150° anniversario di fondazione del Corpo degli Alpini, fino alla mostra storica sui 150 anni del Corpo degli alpini, accanto alla Cittadella degli Alpini in piazzale Fellini. Momento più atteso, ovviamente, la grande sfilata dell’8 maggio sul lungomare che può durare tra le 10 e le 12 ore, la maggior parte delle Sezioni sfila preceduta da una banda o da una o più fanfare: le formazioni musicali saranno non meno di ottanta. Con le rispettive Sezioni sfilano anche i Cori alpini, che saranno una sessantina.

Come cambiala viabilità:le zone proibite

Parte della città verrà divisa in due zone: la ‘zona rossa’ e la ‘zona arancione’. In pratica una grande “isola pedonale” sempre più vasta fino alla parata di domenica.

Zona Rossa. L’area Rossa è delimitata all’area a mare della ferrovia e parte da viale Principe Amedeo angolo via Dandolo e via Beccadelli fino a via Catania a Rivazzurra (esclusa), includendo anche l’area di ammassamento che interesserà la zona limitata dalla via Rimembranze a via Chiabrera e dalla linea ferroviaria alla via Fogazzaro. La zona “rossa” scatterà domenica in occasione della Sfilata degli Alpini (a partire dalle 24 di sabato fino alle 24 di domenica) e sarà interdetta anche alle auto dei residenti ed ai mezzi pubblici, con il divieto di circolazione a tutti i veicoli. All’interno di tale area sarà vietato, per la giornata di domenica, anche l’accesso di mezzi di approvvigionamento per le attività e i pubblici esercizi presenti sul territorio ed il transito dei mezzi già stazionanti all’interno di tale area.

Zona Arancione. L’area Arancione è un’area di pre-filtraggio, adiacente alla zona rossa ed include tutta l’area alla Destra del Porto a mare della ferrovia fino a Parco Fellini, viale Principe Amedeo, via Dandolo, via Cormons (già in zona rossa) e via Nazario Sauro fino al Parco Elisabetta Renzi. La zona arancione continua a monte della ferrovia, a partire dal Parco, prendendo a riferimento il nuovo ponte che attraversa via Roma, e proseguendo verso sud parallelamente alle vie di transito Roma, Ugo Bassi, Giuliani, Settembrini e Marradi che restano aperte. La zona arancione circonda inoltre l’area rossa di ammassamento in preparazione alla sfilata, che include via Chiabrera, via Fogazzaro e via Rimembranze (escluso il tratto da Via Marradi/Melucci a Via Flaminia), e si estende lateralmente fino all’altezza di via Vannucci e Via Botero con delimitazioni che saranno identificate con transenne e apposita segnaletica. In quest’area sarà ammessa la mobilità in condizioni di necessità esclusivamente per i residenti.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui