Le boe firmate dal designer arrivano da Ravenna

La presenza romagnola alla Prada Cup ha fatto affidamento anche sulle boe costruite dal Cantiere Orioli di Marina di Ravenna. Non si tratta di boe qualunque. Il design è di Marc Newson (lo stesso autore del trofeo vinto da Luna Rossa), l’engineering e l’architettura navale sono del ravennate Giovanni Ceccarelli (progettista di fama mondiale nell’ambito della yachting). Chi ha assistito alle regate di Auckland avrà sicuramente notato la particolarità stilistica di questi accessori. Non si tratta del solito cilindro arancione o giallo. La struttura è composta da una base in vetroresina galleggiante e stagna e da una struttura più alta. All’interno trovano posto le centraline che comandano il salpaancore. In alto c’è la stazione che misura intensità e direzione del vento. «Siamo orgogliosi di aver potuto contribuire a un evento di questa portata», commenta Federico Orioli, 39 anni, che porta avanti insieme ai familiari l’azienda nata nel 1946. Le boe costruite sono sette e sono alte 3,15 metri di cui solo 2,5 sopra il livello dell’acqua. Hanno un diametro di quasi tre metri, pesano 900 chili e sono munite di un sistema di ancoraggio autonomo. Smontate, sono stati trasportate in Nuova Zelanda. Saranno utilizzate anche per le regate di America’s Cup.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui