Lavoro, settimana corta di 4 giorni e 120 giorni all’anno di smart working: Intesa Sanpaolo lo propone a 74mila dipendenti

Settimana corta, con quattro giorni di lavoro di nove ore, e 120 giorni all’anno di smart working. E’ la proposta di Intesa Sanpaolo ai suoi 74.000 dipendenti. “Il confronto con le organizzazioni sindacali, pur svolgendosi in maniera proficua e costruttiva, non ha trovato una condivisione sul complesso dei contenuti, ma Intesa Sanpaolo, confermando l’attenzione alle persone del gruppo, continuerà a proporre le migliori soluzioni a chi lavora nella prima banca italiana, introducendo le novità da gennaio 2023”, fa sapere l’istituto di credito, che, dunque, in assenza di un accordo con i sindacati, procederà con intese individuali con i propri dipendenti. Tra i principali cambiamenti proposti da Intesa, un’evoluzione dello smart working con la possibilità di lavoro flessibile fino a 120 giorni all’anno (con buono pasto da tre euro), senza limiti mensili e la settimana corta di quattro giorni da nove ore lavorative a parità di retribuzione, su base volontaria e compatibilmente con le esigenze tecniche-organizzative e produttive della banca. Dal gennaio 2023, dunque, le persone che lavorano in Intesa Sanpaolo, potranno individualmente accedere a queste nuove modalità di lavoro. Sarà anche avviato un periodo di sperimentazione in circa 200 filiali.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui