Lasciato morire in auto dagli amici a Lugo, il verdetto slitta a maggio

RAVENNA. Sono attesi per il 10 maggio i primi verdetti per la morte di Matteo Ballardini, il 19enne di Lugo abbandonato in fin di vita dagli amici in auto dopo una notte di sballo nell’aprile 2017.

La sentenza attesa ieri davanti al gup Janos Barlotti dopo l’arringa difensiva dell’avvocato Fabrizio Capucci, legale di Beatrice Marani, la cui posizione è la più delicata (nei confronti della ragazza il sostituto procuratore Marilù Gattelli aveva chiesto 30 anni, 16 anni e 5 mesi per il coetaneo lughese Simone Giovanni Palombo e per il 25enne marocchino Ayoub Kobabi), è infatti slittata per la richiesta di un termine avanzata dal nuovo legale del quarto imputato.

Dopo la recente morte dell’avvocato Pierluigi Barone, infatti, il 28enne Leonardo Morara – che aveva scelto la via del dibattimento e per il quale la pubblica accusa aveva chiesto il rinvio a giudizio – ha infatti nominato l’avvocato Carlo Benini cui è stato concesso un termine per valutare le carte e la strategia difensiva.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui