Lamorgese: accoglienza negli hotel di Rimini? Servono requisiti precisi

BOLOGNA. I rifugiati ucraini inizialmente accolti negli hotel riminesi e in queste ore diretti ai Cas ‘ufficiali’? Mentre il sindaco rivierasco Jamil Sadegholvaad in queste ore ringrazia chi si offre ma rimanda ai canali istituzionali, la ministra dell’Interno Luciana Lamorgese, interpellata in merito in Prefettura a Bologna, precisa: “Abbiamo dato la possibilità ai prefetti di costituire dei Cas anche derogando dalle regole ordinarie, proprio perché c’è l’esigenza di intervenire immediatamente in questa fase. Laddove questi centri non dovessero avere i requisiti specifici minimali richiesti, al fine di essere considerati Cas, non verranno inseriti nel circuito dell’accoglienza”. Aggiunge Lamorgese, che segnala di averne parlato con il prefetto di Rimini: “I prefetti stanno verificando con le forze di polizia l’idoneità dei locali di accoglienza, che devono avere dei criteri precisi e osservare principi basilari. A Rimini– rimarca la ministra infine- ci sono due-tre situazioni che avranno bisogno di approfondimenti specifici”. 

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui