La strage di Tavolicci, film e visite online

Il 22 luglio del 1944 si consuma nel piccolo e isolato borgo di Tavolicci la strage più raccapricciante e numericamente più consistente della Romagna: 64 persone, di cui 19 sotto i 10 anni, vengono trucidate dal IV Battaglione di volontari di polizia italo-tedesca. Un eccidio che mette in discussione il mito del “cattivo tedesco” e del “bravo italiano”. Il processo del 1946 e quello del 1949 si concludono con un nulla di fatto. Nel 1995 il ritrovamento del cosiddetto “armadio della vergogna”, oltre 695 fascicoli inerenti le stragi fasciste e naziste, occultati nello scantinato della Procura militare di Roma, porta alla riapertura delle indagini. La Procura militare di La Spezia riapre le indagini, archiviate per morte di tutti gli imputati.

l’Istituto storico di Forlì-Cesena organizza ora per la Festa della Liberazione alcune iniziative imperniate su uno dei luoghi della memoria più importanti del nostro territorio. Dopo la cerimonia commemorativa alla Casa dell’eccidio (25 aprile, 10.30) e la visita guidata virtuale (alle 11) sulla pagina Facebook Amici della Casa di Tavolicci, alle 16 verrà proiettato il film di Valentina Giovanardi I bambini di Tavolicci. Alle 17 il breve docufilm 22 luglio 1944. Una memoria di Daniel Visintin. Alle 18 documentario Terra e memoria di Isabella Scarpellini. Tutto visibile sul canale Youtube e sulla pagina Facebook dell’Istituto storico. La Casa dell’eccidio, inoltre, resterà simbolicamente aperta fino alle ore 17. Ampia documentazione sugli eventi è oggi conservata nell’Istituto per la storia della Resistenza e età contemporanea di Forlì Cesena. Altre informazioni si possono trovare sul sito: istorecofc.it/tavolicci.

Altre iniziative

Domani venerdì 23 aprile alle 15 incontro online con Raffaella Cinquanta, autrice di Partigiani di tutta Europa, unitevi! L’ideale dell’Europa unita nelle riviste clandestine della Resistenza italiana (Bologna, Il Mulino, 2020). Per partecipare inviare richiesta via e-mail a istorecofo@gmail.com.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui