FORLIMPOPOLI. La Romagna di Pellegrino Artusi e dunque del cibo, e ovviamente dell’incontro con gli altri e con il mondo, è il tema del secondo numero della rivista Terra del Buon Vivere, Forlì, la Romagna, il mondo, promossa dalla Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì e da Civitas srl con il contributo di Intesa Sanpaolo, pubblicato in italiano e inglese. Per rendere omaggio a Pellegrino Artusi in occasione del bicentenario della nascita, questo numero ha come filo conduttore la cultura del cibo e si apre con una selezione di immagini del fotografo americano Steve McCurry che, in occasione della sua mostra ai Musei San Domenico di Forlì, hanno permesso di conoscere i tanti modi diversi con cui il cibo viene prodotto, distribuito, trasformato e consumato nelle varie regioni del mondo. I testi su Steve McCurry e sulla mostra di Forlì sono di Mario Calabresi, giornalista e scrittore e Fabio Lazzari, che è anche condirettore della rivista, con un intervento dell’economista Raj Patel ospite della edizione 2019 del Festival del Buon Vivere. 

Dalla dimensione globale delle immagini di McCurry, il viaggio approda a Forlimpopoli, città natale di Artusi, in cui il messaggio e i valori del grande Pellegrino vengono conservati e tutelati ma anche diffusi nel mondo grazie all’attività congiunta delle istituzioni locali e del centro di cultura Casa Artusi a lui dedicato. Gli approfondimenti sono affidati a Laila Tentoni, presidente di Casa Artusi, e Paolo Rambelli, giornalista e docente universitario. Un’ampia sezione dedicata al forlimpopolese più noto nel mondo, al suo celebre manuale e al confronto tra cucina italiana e francese, è stata curata da Laila Tentoni, Alberto Capatti, storico dell’alimentazione e della gastronomia e Massimo Montanari, docente universitario ed esperto di cultura del cibo, con una nota sull’archivio artusiano di Antonio Tolo, responsabile della biblioteca “Pellegrino Artusi”. E da Forlimpopoli si va verso il mare, verso quella riviera che tanto ha contribuito a far conoscere e apprezzare l’ospitalità romagnola e che tra le sue bellezze annovera Cesenatico, borgo marinaro in cui arte e ospitalità si fondono al lavoro dei pescatori che, ogni giorno, chiedono al mare il dono prezioso di una pesca generosa e di qualità. Qui i testi di Bianca Sestini e Maria Suzuki tracciano un inedito asse “Cesenatico-Tokyo” partendo dal porto della città romagnola e arrivando al mercato ittico più grande del mondo.

Il viaggio intorno al cibo si conclude con un ideale attraversamento della Romagna dal mare agli Appennini a cura della giornalista Laura Giorgi, alla scoperta del cibo e dei paesaggi che questo stesso disegna sulla terra attraverso agricoltura, allevamento, saline, attività umane legate al cibo antiche e nuove. Un viaggio nei “foondamentali” della cultura gastronomica romagnola: la pasta, la piadina e i prodotti della terra e degli allevamenti, a cui si aggiungono elementi di novità, come lo zafferano, di riscoperta, come i vini di montagna, e di particolare valore etico e sociale come la collaborazione tra produttori della Val Bidente e l’IRST di Meldola per uno studio sugli effetti nell’alimentazione dei prodotti dell’agricoltura simbiotica.  Così la dimensione culturale e multidisciplinare del cibo assume evidenza e senso e ci mostra come esso diventa elemento in grado di condizionare, modificare e plasmare il territorio e coloro che lo abitano o lo visitano, dal paesaggio al modo di essere, dalla dimensione dell’ospitalità e del gusto fino agli aspetti sociali ed economici della sostenibilità, della salute e del lavoro.

Il secondo numero di Terra del Buon Vivere si chiude con un omaggio , a cura dell’esperto d’arte Davide Ferri , ad un altro grande personaggio di origini romagnole, Giuseppe Verzocchi, imprenditore e mecenate che seppe raccogliere nell’arco di pochi anni una collezione di pittura ispirata proprio al tema del lavoro, coinvolgendo nella sua impresa quasi tutti i più grandi artisti italiani del secondo dopoguerra. La splendida raccolta è custodita e visibile a Palazzo Romagnoli a Forlì.

Terra del Buon Vivere: Forlì, la Romagna, il mondo raccoglie anche moltissime immagini di qualità, in questo numero ospita gli scatti, oltre che di Steve McCurry, di Lorenzo Angelini, Luca Campigotto, Gianluca Camporesi, Francesco Lemma e Mauro Monti. La rivista è stata ideata nell’ambito delle iniziative di marketing territoriale promosse dal “Protocollo d’intesa per la promozione, l’attrattività e lo sviluppo culturale del territorio sulla base dell’immagine di terra del buon vivere che la contraddistingue, ovvero sui principi del benessere equo e sostenibile” . L’ illustrazione di copertina è di Cosimo Miorelli.

Il secondo volume di Terra del Buon Vivere è stato ideato da Monica Fantini e diretto da Giorgio Casadio e Fabio Lazzari; il progetto grafico è di Luca Bendandi; l’editing è stato affidato a Emanuela Spinsanti di Alfa studio editoriale; le traduzioni sono di Elizabeth McIlvanney; il coordinamento è di Bianca Sestini; stampa e confezione sono state eseguite in Romagna dalla tipografia Gegraf di Bertinoro e dalla Legatoria Berti di Forlì; l’editore è Edit Sapim.  La rivista è disponibile nelle principali librerie di Forlì e nei siti di Terra del Buon Vivere e di Casa Artusi.

Argomenti:

buon vivere

McCurry

Pellegrino Artusi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *