La pubblicità del 2021

“Diffusione dell’innovazione” significa creare nuovi mercati, nuove categorie di prodotti; dunque l’’invenzione rappresenta oggi la materializzazione di una nuova idea come una nuova tecnologia. Le imprese dovranno comprendere che per ‘innovazione s’intende l’implementazione e l’integrazione nel contesto sociale come: Internet, VR (virtual reality), social media e applicazioni.

Il periodo storico che stiamo vivendo sta subendo una trasformazione sociale, poiché nuove e vecchie imprese possono scomparire rapidamente dal mercato grazie all’innovazione. Il compito delle aziende sarà dunque facilitare la comunicazione tra consumatore ed il marchio. Nella consapevolezza che possono trarre vantaggio dall’utilizzo di piattaforme social ad esempio, qui abbiamo un forte passaparola e strumenti potenti.

Ultimamente le aziende stanno applicando il cosiddetto Marketing Furtivo, non si tratta dunque della fonte, ma della comunicazione in sé. Di recente, un brand di cucine professionali sta coinvolgendo le persone con comunicazioni naturali con i propri clienti, tramite campagne costruttive come quella chiamata “gastrodomus” per indirizzare i clienti non solo ad acquistare nel loro store online, ma anche in quello dei competitors, in base alle esigenze del cliente. Anche tra multinazionali è successo qualcosa di simile, con i maggiori brand di “hamburger Americani” che reciprocamente hanno promosso i prodotti del proprio competitor di riferimento durante la pandemia mondiale.

Un altro fattore di notevole importanza è il posizionamento del prodotto. Possiamo vedere questa tecnica in molti film, ad esempio un bicchiere di una famosa catena Americana di Caffè è stato lasciato su un tavolo durante le riprese di una delle serie TV più viste nei recenti anni, le vendite dell’azienda durante quella settimana sono aumentate del 120% per questo gesto “casuale” da parte dell’attore.

Il prodotto deve sempre corrispondere all’ambiente e al personaggio, poichè il consumatore ha bisogno di vedere la rilevanza tra il prodotto e il tema. Un effetto negativo è che il prodotto non è protagonista, a volte la gente non è consapevole di accettare o rifiutare il messaggio. I bambini (fino a 10 anni), per esempio, sono particolarmente vulnerabili quando si tratta di “product placement”. La sensibilità del consumatore significa quando la gente ha conoscenza in relazione ad un prodotto, quindi le aziende dovranno sempre prendere in considerazione la coscienza del consumatore verso il prodotto o la marca.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui