Rimini, la ministra Cartabia dai detenuti senza carcere della Papa Giovanni

«Desideravo conoscervi personalmente». Si è presentata così, alla Casa del perdono di Montecolombo di Taverna di Montecolombo, la Ministra della Giustizia Marta Cartabia. La Guardasigilli si è approcciata in punta di piedi a modello di accoglienza per detenuti che, lo testimoniano i numeri, serve realmente a non fare commettere nuovamente reati.

Ieri ha visitato la casa di accoglienza per carcerati della Papa Giovanni XXIII, accolta da Giovanni Paolo Ramonda, presidente della Comunità di don Benzi. Qui, lungo la strada che da Morciano porta in Carpegna, vivono al momento ventiquattro detenuti che stanno scontando la pena con misure alternative al carcere. Niente sbarre, tanta comprensione fin dal cartello che accoglie i nuovi arrivati “L’uomo non è il suo errore”, come amava ripetere il parroco dalla tonaca lisa.

Le Comunità per Carcerati

Quella di Rimini è una delle 8 Comunità Educanti con i Carcerati (Cec), strutture per l’accoglienza di carcerati che scontano la pena, dove i detenuti sono rieducati attraverso esperienze di servizio ai più deboli nelle strutture e nelle cooperative dell’associazione. La prima casa è stata aperta nel 2004. Ad oggi sono presenti 241 tra detenuti ed ex detenuti. Negli ultimi 10 anni sono state accolte 1.865 persone.

L’ascolto e le parole della Ministra

La Ministra Cartabia, dopo aver ascoltato i detenuti ospiti della casa di accoglienza, ha dichiarato: «Sono qui per conoscervi di persona e toccare con mano una ricchezza di cui tanto ho sentito parlare, anche prima che ci incontrassimo su progetti comuni, come l’accoglienza a madri detenute con figli piccoli. Questo è un luogo dove accadono cose importanti: essere qui oggi è un momento per coltivare il rapporto tra realtà positive della società civile e le istituzioni. Essere qui è per me come una boccata d’ossigeno. Soprattutto in ambito penitenziario, le istituzioni funzionano bene soprattutto quando c’è una sinergia con realtà che funzionano bene, come la vostra».

I risultati concreti

La recidiva crolla. «Per noi è molto importante questa visita perché come comunità abbiamo sempre scelto di collaborare con le istituzioni. Le persone che hanno sbagliato devono giustamente pagare per i loro errori, ma devono anche essere rieducate. – spiega Ramonda – E’ quello che facciamo nelle nostre comunità. Per chi esce dal carcere la tendenza a commettere di nuovo dei reati, la cosiddetta recidiva, è il 75% dei casi. Invece nelle nostre comunità, dove i detenuti sono rieducati attraverso esperienze di servizio ai più deboli, i casi di recidiva sono appena il 15%».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui