La Milanesiana 2021 alla romagnola

La Milanesiana torna in Emilia-Romagna. Dal 29 luglio al 3 agosto il festival di letteratura, musica, cinema, scienza, arte, filosofia, teatro, diritto, economia e sport ideato e diretto da Elisabetta Sgarbi, coinvolgerà Santarcangelo di Romagna, Rimini, Cervia, Ravenna, Gatteo a Mare e Parma. Il programma, con tutte le novità, gli appuntamenti e gli ospiti delle date emiliano-romagnole, è stato presentato in video conferenza stampa ieri dalla direttrice del festival, Elisabetta Sgarbi, dal presidente della Regione, Stefano Bonaccini, dall’assessore regionale al Turismo, Andrea Corsini.

Sgarbi ha aperto l’incontro ricordando per prima cosa la scomparsa di Franco Battiato, autore del logo del festival, la rosa blu: «Oggi ho perso un amico e il mondo ha perso un grande artista e un poeta. Come diceva Moravia ai funerali di Pasolini: i poeti nascono poco e muoiono raramente. Tutta la Milanesiana è stata connotata in questi ventidue anni da un simbolo, la rosa che Franco Battiato mi aveva donato. Il programma della Milanesiana emiliano- romagnola è stato pensato secondo il principio della dedica. Puntellare la memoria aiuta a non dimenticare perché non c’è progresso senza memoria – continua Elisabetta Sgarbi –. Ricordiamo che il progresso è il tema di questa edizione, scelto da Claudio Magris, un tema ambiguo che accende la riflessione, un tema già in sé denso di paradossi. Dopo quello che abbiamo vissuto possiamo ancora parlare di progresso? E possiamo farlo in modo univoco? Possiamo dire, forse, che ci sono tanti progressi, almeno quanti sono i passi indietro? Non c’è comunque progresso senza memoria. Queste sono solo alcune delle domande che ci porremo ascoltando i 150 artisti ospiti.

Il programma

Due sigle degli Extraliscio accompagnano anche quest’anno l’intero programma della Milanesiana: Il ballo della Rosa e Milanesiana di Riviera. E forse, nel corso della ventiduesima edizione, ne verrà presentata una terza.

Il 29 luglio a Santarcangelo di Romagna si esibiranno i Modena City Ramblers in occasione dei trent’anni dalla loro formazione, il 30 luglio a Rimini si svolgerà una lectio di Vittorio Sgarbi su Fellini e il pittore Guido Cagnacci – quest’ultimo nato a Santarcangelo e molto amato dal regista – e a seguire un concerto di Morgan. A Cervia il 31 luglio il dissacrante e ironico Elio canta e recita Jannacci, cantore degli ultimi, nello spettacolo Ci vuole orecchio.

Il 1° agosto a Marina di Ravenna verrà inaugurata alla Galleria Faroarte la mostra “Milanesiana di riviera. Artisti, paesaggi, sculture” con fotografie di Giuseppe Nicoloro, Manuel Palmieri e “Tre sculture” di Leonardo Lucchi. La mostra è curata da Luca Volpatti e Elisabetta Sgarbi. Nella stessa giornata in Piazza del Popolo a Ravenna si svolgerà il dialogo tra Pupi Avati e Mario Andreose su Dante e gli Extraliscio si esibiranno in concerto conil fisarmonicista Simone Zanchini. Il 2 agosto a Gatteo Mare Massimo Lopez & Tullio Solenghi show, un omaggio a Secondo Casadei. Prologo letterario di Gabriele Dadati autore della biografia “Secondo Casadei, Romagna mia e io” edito da Baldini + Castoldi e una canzone per Secondo Casadei di Roberta Cappelletti.

Il 3 agosto a Parma ci sarà un omaggio a Bernardo Bertolucci con letture di Laura Morante e uno spettacolo firmato da Ermanna Montanari e Marco Martinelli.

 In Emilia Romagna ci sono le mie radici – conclude Elisabetta Sgarbi – ci sono tanti ricordi, c’è tanta energia che questa regione sta sprigionare».

In conferenza stampa è intervenuto Stefano Bonaccini, Presidente della Regione Emilia-Romagna: «Abbiamo l’onore di presentare un programma meraviglioso con artisti di caratura internazionale. Per noi la cultura non è qualcosa di secondario ma fa parte della qualità della vita, è un settore di cui si è parlato poco e dobbiamo stavi vicino e accompagnarlo».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui