“La memoria ritrovata” a Savignano fino al 15 marzo

SAVIGNANO. La mostra fotografica dal titolo “La memoria ritrovata” proroga la sua apertura fino al 15 marzo 2022. Allestita in occasione della Giornata della Memoria 2022 nella sala “Marco Pesaresi”, a Palazzo Vendemini, in Corso Vendemini 67, l’esposizione si compone di una serie di scatti in bianco e nero, di dimensione 40×30, di autore anonimo, realizzati all’incirca negli anni settanta. Le fotografie offrono un breve ma significativo reportage raccolto all’interno del campo di concentramento di Auschwitz. Si possono infatti facilmente riconoscere il cancello d’ingresso con la dicitura “Arbeit macht frei”, i fili spinati, le torrette di avvistamento, i blocchi, la forca, la camera a gas e il forno crematorio. Oltre alle fotografie la cartella contiene un testo con la riproduzione dell’epigrafe di Piero Calamandrei “Lo avrai, Camerata Kesselring…” che potrebbe essere stato il cartello introduttivo di una mostra. Gli archivisti di Palazzo Vendemini ben conoscevano l’album in oggetto, di cui tuttavia non è mai stato possibile ricostruirne i dettagli identificativi in quanto privo di qualsiasi informazione, nota o didascalia. Una delle supposizioni riguardo il fondo, è che sia stato raccolto da Edgardo Cantone, direttore della Biblioteca di Savignano negli anni ‘70 e ’80. Le fotografie non si collegano solo alla giornata del 27 gennaio, in cui le truppe dell’Armata Rossa, impegnate nell’offensiva Vistola-Oder, liberarono il campo di concentramento di Auschwitz e mostrarono al mondo l’orrore della Shoah, ma offrono anche uno spunto per riflettere sul tema della guerra, purtroppo molto attuale. La mostra, a ingresso gratuito, è visitabile dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 18,30 e il sabato dalle 9 alle 13. Info: Biblioteca comunale-0541 944017

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui