La Divina Commedia di Gustave Doré in mostra a Terra del Sole

TERRA DEL SOLE. Dante Alighieri ha lasciato tracce quasi ovunque in Romagna e, direttamente o indirettamente, c’è sempre un motivo e un modo per ricordarlo. Così come accade a Terra del Sole nel cui Palazzo Pretorio viene inaugurata il 15 maggio la mostra “Gustave Doré e la Divina Commedia. Una ricerca sull’immagine fra cinema e incisione”, organizzata per la Pro Loco di Terra del Sole in occasione del 700° anniversario della morte di Dante Alighieriì. Curata da Silvia Arfelli in collaborazione con il vicepresidente della Pro Loco Andrea Bandini – realizzata con il patrocinio del Comune di Castrocaro Terme-Terra del Sole, delle Regioni Emilia-Romagna e Toscana, con la collaborazione della Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì e degli Archivi Alinari – l’esposizione sarà inaugurata alle ore 11.30 da Marianna Tonellato, sindaca di Castrocaro, e da Luigi Pieraccini, presidente della Pro Loco.

La mostra presenta al pubblico il racconto di Dante nella stampa di ben 50 incisioni del Doré, tratte dalle tre cantiche di Inferno, Purgatorio e Paradiso.

Fra i tentativi di illustrare il mondo visionario e fantastico di Dante, nessuno come Gustave Doré (Strasburgo 1832 – Parigi 1883) è riuscito a rappresentare in maniera così efficace i versi della Divina Commedia. Le illustrazioni sono caratterizzate da una grande immediatezza comunicativa che influenzerà artisti quali gli scultori Hugues e Rodin, e in pittura Eugene Deully e Diogene Maillart.

Ma soprattutto influenzerà anche la nascente industria del cinema: nella saletta attigua a quella dell’esposizione, verrà proiettato il film “Inferno” (1911), diretto da Francesco Bertolini, Giuseppe De Liguoro e Adolfo Padovan. Il film segna una serie di record per il cinema italiano: è il primo lungometraggio della cinematografia nazionale, il più costoso (circa 100mila lire) per l’epoca, il primo significativo incontro tra cinema e letteratura. Un trionfo specie all’estero dove verrà proiettato in teatri mai apertisi in precedenza al cinema e dove incentiva le vendite in libreria del poema dantesco.

La mostra sarà aperta al pubblico fino al 18 luglio.

Info: 0543 766766

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui