La criptovaluta delle macchine: conosciamo meglio Iota

L’internet of things

I progressi tecnologici fanno sempre più passi da gigante, e cose che fino a poco tempo fa sembravano essere vaneggiamenti degli appassionati di fantascienza iniziano ad entrare a far parte della vita quotidiana.

Uno dei concetti che più di ogni altro sta affascinando gli amanti della tecnologia è il cosiddetto “internet delle cose” o, così come viene definito in inglese “internet of things”. Di che si tratta, e perché dovrebbe interessare anche coloro che bazzicano il mondo crypto?

Il concetto dell’internet delle cose prende in considerazione l’idea che in un futuro non molto lontano, le macchine, intese come tutti i dispositivi elettronici (televisori, cellulari, robot aspirapolvere, contatori elettrici, etc.) possano essere connessi tra di loro attraverso una rete informatica. Questa connessione permetterà a questi oggetti di comunicare costantemente tra loro e di effettuare delle piccole transazioni senza che si riveli necessario il controllo degli umani.

Se questo scenario ci sembra poco realistico, pensiamo solamente a quanti strumenti “intelligenti” o “smart” sono entrati a far parte delle nostre vite. Ci riferiamo a tutti gli elettrodomestici che sono già connessi ad una rete internet e che possono già prendere autonomamente delle decisioni in base ad alcuni algoritmi impostati dai loro produttori.

La moneta digitale pensata per entrare in campo in questo settore è la Iota, che è appunto un acronimo di internet of thing.

Caratteristiche di Iota

Si tratta di una criptovaluta che ha un valore bassissimo, tant’è che spesso viene utilizzato il Miota come unità di calcolo, che indica un milione di Iota.

Tra le caratteristiche principali di questo Token vi è il fatto che non può essere minato, a differenza di altre monete, in quanto tutti i Token sono già stati messi in circolazione.

Ciò che rende questa moneta particolarmente appetibile è il fatto che non utilizza la tipica Blockchain, ma un sistema conosciuto come Tangle, che è basato sul grafico aciclico diretto. La Blockchain, benché sia un sistema altamente sicuro e collaudato, richiede un gran dispendio di energia. I Tangle consentono invece di velocizzare di molto le transazioni e, cosa molto interessante, di effettuarle senza alcun costo, senza commissioni. Anche transazioni che non richiedono spostamento di Token possono essere effettuate con Iota senza spendere un centesimo.

Il fatto che in Iota non esistono i miners implica che il potere viene ugualmente distribuito tra i suoi utilizzatori, a differenza di altre Crypto, che riconoscono un grande potere nelle mani dei grandi miners.

Il basso costo di entrata nella moneta Iota, associata alla possibilità di effettuare un gran numero di transazioni a costo pari a zero, in maniera istantanea e del tutto sicura sono tutti fattori che presentano la moneta come una buona possibilità di investimento.

Soprattutto coloro che credono nello sviluppo e nella crescita dell’internet of thing ripongono la loro fiducia in questa cripto. Fare attente ricerche prima di investire è comunque sempre una buona norma che eviterà di mettere a rischio i propri capitali.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui